CPU

AMD e Intel non hanno tagliato i prezzi, meno male!

Nelle ultime settimane i media statunitensi, segnatamente il sito Techpowerup, hanno iniziato a riportare notizie su tagli di prezzi da parte di Intel e AMD dei listini di alcuni microprocessori. In realtà però non c'è stato alcun taglio di prezzo ufficiale, e questa è una notizia che da una parte è importante e allo stesso tempo è inutile.

Per farvi capire come mai scriviamo così, ricostruiamo i fatti. Tutto parte dalla notizia "Intel Cuts Price of Core i3-7350K Overclocker-friendly Dual-core Chip", ribattuta anche in Italia, dove si affermava che la casa di Santa Clara aveva dato una sforbiciata di 35 dollari al prezzo del Core i3 con moltiplicatore sbloccato. Ottimo, verrebbe da pensare, quel processore (qui i test) ha bisogno di un prezzo inferiore per rendersi più appetibile. Peccato che Intel non ne abbia abbassato il prezzo.

intel cpu 01

Basta andare sul sito dell'azienda con la "Price List" di tutte le CPU per vedere che il processore è rimasto a 168 dollari. Tra l'altro l'elenco è stato aggiornato proprio nelle ultime ore con l'introduzione dei prezzi della serie Core X (alcuni modelli, non tutti), che sono leggermente più bassi di quanto comunicato al Computex la scorsa settimana.

Lo stesso sito ha poi parlato di un taglio di prezzo dei processori Ryzen di AMD, nel pezzo "AMD Trims Prices of the Ryzen 7 1700 and 1700X". Anche in questo caso basta andare sulla pagina AMD Processor Pricing per vedere che il listino ufficiale è cristallizzato all'uscita dei processori Ryzen. Se però Intel non ha proferito parola, AMD è intervenuta negando la riduzione ufficiale dei prezzi.

ryzen cpu 02

Nel pezzo di Techpowerup – aggiornato – e su PC World, l'azienda ha reiterato "che i prezzi di Ryzen 7 e Ryzen 5 sono rimasti invariati" e aggiunto che "ogni promozione o prezzo speciale sui processori Ryzen è un'iniziativa del partner/negoziante in accordo al proprio business".

E in effetti basta girare qualche negozio online, anche in Italia, per vedere che i prezzi delle CPU Ryzen non sono quelli del debutto. Ryzen 7 1800X ha messo piede su Amazon Italia a 575 euro e ora si trova a 488 euro circa, mentre il 1700X è passato da 460 a 380 euro. Infine il modello 1700 era venduto al debutto a 380 euro e ora ha un prezzo di 326 euro. Potremmo andare avanti anche per la gamma Ryzen 5, ma ci fermiamo al modello di punta 1600X, che ora costa 258 euro ma è sbarcato a 284 euro.

ryzen cpu 01

Quindi in fin dei conti un taglio dei prezzi – anche sostanziale – c'è stato, e all'utente finale poco importa che sia un'operazione ufficiale di AMD/Intel o dei negozianti, ma in ballo ci sono alcuni aspetti: il primo è riportare un'informazione corretta (ah, fermi tutti: noi sbagliamo tutti i giorni, non siamo perfetti né santi), perché addebitare un'azione a un soggetto senza l'ufficialità è sbagliato.

Per farvi un esempio banale, in questi giorni negli Stati Uniti (l'abbiamo scritto ieri) si trovano RX 580 a prezzi superiori agli 800 dollari. Usando lo stesso metro di Techpowerup avremmo dovuto scrivere che AMD ha deciso di alzare il prezzo della scheda, ma non è così e abbiamo spiegato perché sta accadendo.

ryzen threadripper 01

L'altro punto è che da quel presunto taglio di prezzo ufficiale, alcuni sono andati un passo oltre, iniziando a parlare di un listino in ribasso per far spazio ai processori Ryzen Threadripper con più di otto core. AMD non ha detto una sola parola sui prezzi di quelle CPU e qualunque listino circoli è un'indiscrezione, qualcosa che potrebbe essere vero o rivelarsi una panzana assurda.

Alimentare nei lettori false speranze – oggi più che mai inclini a credere a tutto – porta poi a reazioni difficilmente controllabili. E lo sappiamo bene: l'anno scorso segnalavamo che il prezzo effettivo in Italia della RX 480 sarebbe stato ben più alto di quello che circolava (senza alcuna ufficialità) nei giorni pre-debutto. Ci siamo presi ogni sorta di epiteto dai "tifosi" delle schede Radeon (che poi che senso ha fare il tifoso di un'azienda o l'altra, proprio non lo capiamo), salvo poi non essere smentiti dai fatti.

Un altro aspetto è che addebitare un'azione a una realtà quotata in borsa può avere effetti sull'andamento delle azioni e sull'immagine dell'azienda stessa. Una AMD che taglia i prezzi di Ryzen come potrebbe essere interpretata? Si potrebbe pensare che le vendite non stiano andando bene, ad esempio.

intel cpu 02

Infine, sebbene in commercio si trovino prezzi più bassi di quelli ufficiali, il fatto che AMD e Intel non abbiano ridotto i listini in modo ufficiale non può che farci piacere, perché lascia spazio a future manovre e una riduzione possibilmente ancora più marcata dei prezzi "su strada".

Chi l'avrebbe mai detto che l'assenza di un taglio ufficiale dei prezzi ci avrebbe portato a gridare un sonoro "meno male!"? Rimaniamo dunque speranzosi che in futuro si potranno fare affari migliori di quelli già possibili oggi.


Tom's Consiglia

Scopri i processori AMD Ryzen su Amazon, da 4 fino a 8 core!