CPU

AMD mette a segno un 2019 da record, ma nel 2020 farà ancora meglio

AMD ha annunciato risultati finanziari da record sia per il quarto trimestre 2019 che l’intero anno. Nel Q4 2019 l’azienda ha raggiunto un fatturato di 2,13 miliardi, in crescita del 50% sull’anno precedente, con un margine lordo del 45%, un utile operativo di 348 milioni di dollari e uno netto di 170 milioni. L’utile per azione ha toccato i 15 centesimi di dollaro, pari a un +275% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Gli ultimi tre mesi dello scorso anno sono quindi stati decisivi per superare i risultati dell’intero 2018: il 2019 di AMD si è chiuso con un fatturato complessivo di 6,73 miliardi di dollari, in crescita del 4% sui 6,47 miliardi dell’anno prima. Il margine lordo è passato dal 38% al 43%, l’utile operativo è salito del 40% a 631 milioni, mentre quello netto è aumentato dell’1% a 341 milioni.

Nell’anno AMD è riuscita ad abbassare il proprio debito da circa 1 miliardo a 563 milioni, il che fa pensare che la casa di Sunnyvale potrebbe estinguerlo nel terzo trimestre di quest’anno (10 anni fa era di 4,5 miliardi di dollari). Inoltre, AMD è riuscita a raggiungere un flusso di cassa di 1,5 miliardi di dollari, il più alto dal 2016.

A spingere i conti della divisione Computing and Graphics nel quarto trimestre, le vendite di CPU desktop e mobile Ryzen (il risultato migliore da sei anni a questa parte) e l’arrivo di nuove soluzioni Radeon RX 5000 (aumento delle vendite a doppia cifra). Il comparto ha toccato un fatturato di 1,66 miliardi, superiore ai 986 milioni dello stesso trimestre 2018, con un utile operativo di 360 milioni di dollari. Il fatturato della divisione sull’intero anno ha toccato 4,7 miliardi di dollari.

Q4 2019 Q4 2018 Q4 2019 vs Q4 2018 Q3 2019 Q4 2019 vs Q3 2019
Fatturato 2,13 miliardi 1,42 miliardi +50% 1,8 miliardi +18%
Margine lordo 45% 38% +7pp 43% +2pp
Spese operative 601 milioni 509 milioni +92 milioni 591 milioni +10 milioni
Utile operativo 348 milioni 28 milioni +320 milioni 186 milioni +162 milioni
Utile netto 170 milioni 38 milioni +132 milioni 120 milioni +50 milioni

La divisione Enterprise, Embedded and Semi-Custom ha fatto registrare un fatturato di 465 milioni di dollari nel trimestre, marginalmente superiore ai 433 milioni dell’anno prima, con un utile operativo di 45 milioni. A fronte di vendite in aumento di processori EPYC e i primi contributi della gamma Threadripper, AMD sconta il calo superiore alle previsioni delle vendite di chip per le console.

Aspetto in cui AMD dovrebbe rifarsi a partire dalla seconda metà dell’anno, con la produzione di soluzioni per le future console PS5 e Xbox Series X. La divisione ha generato un fatturato annuo di 2 miliardi di dollari, in calo del 14%.

AMD ha raddoppiato il numero di piattaforme EPYC a 100 sistemi nel quarto trimestre, e anche se la divisione non sembra al momento raccogliere i frutti previsti, il CEO Lisa Su ha ribadito che AMD dovrebbe raggiungere una quota di mercato a doppia cifra a metà anno nel settore server.

Per quanto riguarda l’outlook, ossia le aspettative, AMD prevede per il 2020 una crescita del fatturato del 28/30% sulla spinta delle nuove console e delle CPU Rome, con un margine lordo del 45%. Sul breve termine, ossia il primo trimestre 2020, AMD si aspetta un fatturato intorno a 1,8 miliardi (che sarebbe il 42% superiore al Q1 2019), con un margine del 46%.

2019 2018 2019 vs 2019
Fatturato 6,73 miliardi 6,48 miliardi +4%
Margine lordo 43 % 38 % +5pp
Spese operative 2,3 miliardi 2 miliardi +300 milioni
Utile operativo 631 milioni 451 milioni +180 milioni
Utile netto 341 milioni 337 milioni +4 milioni

A margine dei risultati finanziari, il CEO Lisa Su ha annunciato che AMD introdurrà la prossima generazione dell’architettura grafica RDNA quest’anno.

“Nel 2019 abbiamo presentato una nuova architettura per le GPU chiamata RDNA, all’interno dei prodotti Navi. Vi dovreste aspettare un aggiornamento nel 2020 e avremo la nuova architettura RDNA come parte della nostra gamma 2020”. Insomma un refresh di Navi e soluzioni RDNA 2. AMD dovrebbe annunciare maggiori informazioni in merito all’Inverstor Day del 5 marzo 2020. Nella seconda metà dell’anno arriveranno anche nuove GPU per i datacenter.

Per quanto concerne il processo produttivo a 7 nanometri, AMD ha fatto sapere che rappresenta il 50% del suo fatturato complessivo e il volume crescerà nel corso dell’anno dopo aver superato un iniziale problema di carenza di alcuni modelli come il Ryzen 9 3900X e il 3950X. Lisa Su ha infine affermato che si aspetta una “resistenza aggressiva” da parte dei suoi concorrenti quest’anno, e tra le manovre prevede anche una maggiore competizione sui prezzi.