CPU

AMD presenta EPYC 7Fx2, nuove soluzioni per datacenter

AMD ha introdotto i nuovi processori EPYC 7Fx2 che, secondo l’azienda, offrono le migliori prestazioni per core al mondo. I nuovi chip offrono frequenze maggiori fino a 500MHz nonché un’enorme cache L3, funzionalitàideali per database rotazionali, elaborazione ad alte prestazioni (HPC) e applicazioni di infrastruttura iperconvergente (HCI).

Il compromesso risiede in un TDP più elevato, quindi consumano più energia e generano più calore, inoltre costano più dei predecessori. Detto questo, AMD afferma che i nuovi chip assicurano una riduzione dei costi iniziali e una riduzione del 50% dei costi operativi totali (TCO) per i mercati target, giustificando così i prezzi più elevati.

I nuovi processori sono disponibili in versioni da 8, 16 e 24 core; vengono prodotti con lo stesso processo a 7nm e la microarchitettura Zen 2 degli altri processori EPYC Rome, ma rispetto a questi ultimi sono stati ulteriormente ottimizzati. AMD ha fornito benchmark SPEC2017_int_base stimati che mostrano un notevole aumento sia delle prestazioni per core che delle prestazioni per dollaro anche nei carichi di lavoro che sfruttano meno core.

AMD ha anche il vantaggio di più canali di memoria (otto rispetto ai sei Intel) e velocità di memoria ufficiali supportate più elevate (DDR4-3200 rispetto a DDR4-2933 di Intel). Ciò si traduce in un supporto a 4TB di RAM contro i 2TB dei chip del Team Blue e 128 corsie di PCIe 4.0 rispetto alle 48 corsie PCIe 3.0 della concorrenza.

L’aumento della frequenza si traduce in un aumento del TDP di 60W per l’EPYC 7F72 da 24 core, un aumento di 90W per l’EPYC 7F52 da 16 core e in un aumento di 25W per l’EPYC 7F32. La frequenza massima del modello da 24 core sale a 3,7GHz, mentre raggiunge i 3,9GHz per le restanti soluzioni.

Il modello da 24 core offre ben 192MB di cache L3, 64MB in più rispetto al predecessore, mentre il modello da 16 core addirittura 256MB, un incredibile aumento di 128 MB. Chiaramente la nuova cache gioca un ruolo chiave nell’aumento delle performance per core.

Adesso veniamo ai prezzi. La CPU da 24 core costa 2450 dollari, un aumento di 667 dollari rispetto al predecessore, ma si tratta comunque di una cifra inferiore rispetto a quella necessaria per acquistare l’Intel Xeon Gold 6248R (2700 dollari). Il chip da 16 core costa ora 3100 dollari, per un aumento di circa 2200 dollari, ma ancora una volta costa meno dello Xeon Gold 6246R (3286 dollari).

Trovate un riepilogo generale delle specifiche delle attuali soluzioni EPYC e Xeon nella seguente tabella.

Core / Thread Frequenza base / boost (GHz) Cache L3 (MB) TDP (W) Prezzo (dollari)
EPYC Rome 7742 64 / 128 2.25 / 3.4 256 225 6950
Xeon Gold 6258R 28 / 56 2.7 / 4.0 38.5 205 3651
Xeon Platinum 8280 28 / 56 2.7 / 4.0 38.5 205 10009
EPYC Rome 7F72 24 / 48 3.2 / ~3.7 192 240 2450
Xeon Gold 6248R 24 / 48 3.0 / 4.0 35.75 205 2700
Xeon Platinum 8268 24 / 48 2.9 / 3.9 35.75 205 6302
EPYC Rome 7402 24 / 48 2.8 / 3.35 128 180 1783
EPYC Rome 7F52 16 / 32 3.5 / ~3.9 256 240 3100
Xeon Gold 6246R 16 / 32 3.4 / 4.1 35.75 205 3286
Xeon Gold 6242 16 / 32 2.8 / 3.9 22 150 2529
EPYC Rome 7302 16 / 32 3.0 / 3.3 128 155 978
EPYC Rome 7282 16 / 32 2.8 / 3.2 64 120 650
EPYC Rome 7F32 8 / 16 3.7 / ~3.9 128 180 2100
Xeon Gold 6250 8 / 16 3.9 / 4.5 35.75 185 3400
Xeon Gold 6244 8 / 16 3.6 / 4.4 24.75 150 2925
EPYC Rome 7262 8 / 16 3.2 / 3.4 128 155 575
EPYC Rome 7252 8 / 16 3.1 / 3.2 64 120 475

Siete professionisti alla ricerca di una workstation portatile potente e leggera? Vi consigliamo l’Apple MacBook Pro.