Schede madre

AMD RDNA 2, il driver spegne la GPU a pieno carico per abbassare le temperature

Con l’arrivo del driver Linux open source per le schede grafiche Radeon basate su architettura RDNA 2 si stanno scoprendo alcuni dettagli fino ad ora sconosciuti sul funzionamento delle GPU AMD di ultima generazione. A quanto pare, il driver è in grado di spegnere fisicamente la GPU in situazioni di carico di lavoro pesante per mantenere le temperature sotto controllo. Come funziona la tecnologia Duty Cycle Scaling?

AMD Radeon RX 6900 XT

Il fatto di poter andare a scavare a fondo tra le righe di codice del driver Linux open source di AMD ha portato alla luce una funzione davvero curiosa, disponibile per le GPU realizzate basandosi sull’architettura RDNA 2. Duty Cycle Scaling, questo il nome della peculiare funzionalità, permette lo spegnimento della GPU per abbassarne le temperature. Cosa c’è di particolare? Questo avviene quando la CPU è sotto stress e il carico di lavoro è particolarmente elevato!

Che cos’è Duty Cycle Scaling?

Duty Cycle Scaling di AMD è una funzione pensata per SKU con limiti di potenza ridotti ed è progettata per spegnere effettivamente il core grafico e riaccenderlo in base a soglie di corrente, potenza e temperatura. Sotto carichi di lavoro pesanti, la funzionalità AMD DCS controllata dal firmware grafico spegne la GPU per abbassarne le temperature, per poi riaccenderla per riprendere il lavoro.

Come ricordano i colleghi di Phoronix, è una funzione che può sembrare simile a GFXOFF ma è invece diametralmente opposta. GFXOFF permette lo spegnimento della GPU in idle per ridurre il consumo energetico mentre Duty Cycle Scaling è pensato per controllare le temperature a pieno carico.

La durata dello spegnimento della GPU è dettato dal firmware dell’unità grafica. Esiste anche una modalità DCS sincronizzata ai fotogrammi per cui il ciclo di alimentazione della GPU avverrebbe tra il rendering dei vari fotogrammi.

AMD Radeon RX 6900 XT

Non c’è però bisogno di allarmarsi, la vostra GPU non si spegnerà durante le vostre sessioni di gioco in Cyberpunk 2077 per il troppo calore generato. Attualmente la modalità DCS sincronizzata ai frame non è ancora attiva mentre la variante DCS asincrona, la quale interromperebbe la possibilità di rendering in tempo reale, è disabilitata per le applicazioni 3D a schermo intero e i carichi di lavoro VR.

La speranza è che Duty Cycle Scaling sia solo l’ultima risorsa per cercare di salvare le GPU in condizioni estreme in quanto ovviamente le performance delle GPU verrebbero pesantemente impattate da questo tipo di comportamento del sistema di alimentazione.

Se cercate una buona scheda madre per la vostra nuova build basata su AMD Ryzen, su Amazon trovate l’ottima ASUS Prime X570-PRO ad un prezzo imperdibile!