CPU

AMD: TSMC produrrà le CPU Fusion a 45 nm?

In passato avevamo già avuto modo di riportare le voci sull'intensificazione dell'uso di fonderie esterne da parte di AMD. La casa texana fino ad oggi le ha smentite tutte, dichiarando che sul lato produttivo non ci sarebbero stati cambiamenti. Tuttavia le aziende di ricerca hanno continuano a rimanere vigili su questa eventualità e ritornano alla carica.

L'immagine “http://www.tomshw.it/guides/hardware/cpu/20070526/images/amd_hq.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Secondo JP Morgan, AMD avrebbe firmato un accordo con TSMC per la produzione delle CPU "Fusion" a 45 nanometri. Ricordiamo che il progetto Fusion mira a integrare in un unico pezzo di silicio il core grafico e l'unità di processo centrale. Dettagli qui:

Fusion: i dettagli della sfida targata AMD

AMD reinventa i multi-core: il futuro si chiamerà APU

Data la natura del progetto e le sue finalità (sicuramente notebook e server, poi i PC di fascia bassa), Fusion punta a diventare una tecnologia di ampio consumo, che dovrà essere disponibile in quantità: sebbene AMD possa smentire l'uso di fonderie esterne, converrà che potenzialmente il suo progetto mira a un pubblico molto ampio. L'analisi con soffiata di JP Morgan non sembra quindi essere così campata per aria e un aiuto esterno ad AMD farebbe senz'altro comodo: Phenom, Fusion, Griffin e chissà cos'altro nel suo futuro. È tempo di concentrare gli sforzi per ritornare competitivi come un tempo.