Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
CPU

AMD, un laboratorio per l’intelligenza artificiale a Singapore

AMD e la Nanyang Technological University (NTU) di Singapore apriranno un laboratorio congiunto con l’obiettivo di sviluppare competenze locali nel settore dell’informatica e dell’intelligenza artificiale (AI). L’investimento complessivo è di 3,5 milioni di dollari e prevede l’uso di CPU server EPYC e schede acceleratrici Radeon Instinct MI25, con la possibilità di adottare la nuova Instinct MI60 in futuro.

La struttura sosterrà il percorso di laurea legato alle due discipline, permettendo agli studenti di sperimentare le loro idee sul campo, creando software per la sicurezza, capaci ad esempio di identificare e rilevare il movimento. Si parla anche di analisi dei Big Data e lo sviluppo di software clinico per facilitare la diagnosi medica.

Gli studenti dell’NTU che parteciperanno ai progetti di ricerca dovranno usare la piattaforma Radeon Open Compute Platform (ROCm). Gli studenti riceveranno inoltre formazione per prepararsi a competizioni nell’ambito del supercomputing usando la piattaforma software open source per il calcolo hyperscale.

Ciliegina sulla torta la possibilità per gli studenti universitari, a partire dall’anno accademico 2019, di lavorare presso il Centro di ricerca e sviluppo di Shanghai di AMD e il Singapore Product Development Center. Gli specialisti di AMD in intelligenza artificiale e machine learning collaboreranno inoltre con i professori della NTU per condurre sessioni di formazione e workshop per i professionisti del settore.

“Questa collaborazione con AMD sottolinea l’impegno della NTU nel coltivare solidi rapporti con i migliori partner del settore per fornire agli studenti un’educazione il più attinente possibile all’industria. Questo non solo darà loro conoscenze avanzate nella risoluzione delle sfide reali, ma conferirà un vantaggio nel mondo del lavoro dinamico odierno”, ha dichiarato Louis Phee, decano del College of Engineering della NTU.

Oltre a essere un “affare a due”, questa collaborazione rientra in un certo senso nel piano più grande di Singapore di rafforzare le competenze del paese in materia di intelligenza artificiale, con l’obiettivo di coinvolgere 12.000 tra professionisti e studenti. Il governo locale ritiene che l’AI sia una delle quattro tecnologie essenziali per rendere la nazione “digitalmente pronta” e spingere la sua economia.