Mac

Apple annuncia i nuovi iMac: bellissimi e con chip M1

Durante l’evento di oggi Apple ha annunciato diverse novità: dal nuovo colore di iPhone 12 ai tanto vociferati Apple AirTags, passando per una nuova Apple TV 4K e un interessantissimo iPad Pro, l’elemento forse più interessante per gli appassionati (e utilizzatori) dei computer della Mela è sicuramente il nuovo iMac, rinnovato nel design ed equipaggiato con il SoC Apple Silicon M1, lo stesso visto a bordo degli ultimi Macbook e Mac Mini.

Anche l’iMac dice addio a Intel, ma ce lo aspettavamo. La nuova iterazione del desktop secondo Apple arriva sul mercato in sette colori differenti: blu, verde, rosa, argento, giallo, arancione e viola, che ricordano vagamente quelli dei vecchi iMac G3. Al contrario di quanto visto sui Macbook, lo chassis e la componentistica interna sono stati totalmente rivisti dagli ingegneri Apple e progettati intorno a M1, cuore pulsante delle nuove soluzioni della casa americana.

La scheda madre è molto più piccola rispetto a quella del vecchio iMac da 21,5″ e il raffreddamento è affidato unicamente a due piccole ventole, che raggiungono una rumorosità massima inferiore ai 10dB e risultano (secondo Apple) del tutto inaudibili dall’orecchio umano. Lo chassis ha un volume il 50% inferiore rispetto al modello precedente e ospita un display Retina da 24″, con una risoluzione di 4480 x 2520 pixel (4.5K) e una luminosità massima di 500 nit.

Oltre al display, anche camera, microfoni e speaker sono stati rinnovati e migliorati. La webcam ora ha una risoluzione Full HD (1080p) e un sensore più grande in grado offrire una qualità dell’immagine migliore in condizioni di scarsa luminosità, i microfoni sono tre e usano la tecnologia di beamforming per concentrarsi sulla voce dell’utente ignorando i rumori di fondo, migliorando così la qualità delle videochiamate e dei meeting che ci stanno accompagnando in questi mesi di telelavoro. Gli speaker totali sono sei, quattro woofer e due tweeter, che dovrebbero garantire una maggiore potenza e una miglior risposta dei bassi. Supportano l’audio surround grazie alla tecnologia Dolby Atmos.

La parte posteriore del nuovo iMac è piatta e non più curva, con uno spessore massimo di soli 11,5mm. La dotazione porte comprende quattro USB tipo C, due delle quali con Thunderbolt 4 e supporto a un display esterno con risoluzione 6K. Il connettore d’alimentazione ora è magnetico, in tinta con i colori dell’iMac e dotato di cavo intrecciato. La porta Ethernet è integrata nell’alimentatore e la connessione viene trasportata dal cavo di alimentazione, soluzione scelta (a detta di Apple) per aiutare a tenere più in ordine la scrivania.

Novità anche per gli accessori: Magic Mouse e Magic Trackpad saranno disponibili in diverse colorazioni per abbinarsi ai nuovi iMac, inoltre ci saranno tre diverse tastiere tra cui scegliere, anch’esse disponibili nelle varie colorazioni. La prima è equipaggiata con tasti dedicati per emoji, spotlight e non disturbare, la seconda integra il touch ID e un protocollo di trasmissione sicura per inviare le informazioni all’iMac, la terza invece è la “classica” dotata di tastierino numerico.

I nuovi iMac con SoC M1 saranno disponibili in preordine dal 30 aprile, con spedizioni a partire dal mese di maggio. Si parte da 1499 euro per il modello base dotato di due porte USB tipo C con Thunderbolt 4, 8GB di memoria RAM e SSD da 256GB, per arrivare ai 1949 euro del modello con 8GB di RAM, SSD da 512GB e quattro porte USB tipo C.