Mac

Apple, avviato un nuovo sistema operativo open source su M1

L’utente TwitterJared McNeill” ha pubblicato un interessante filmato nel quale viene mostrato l’avvio del sistema operativo NetBSD su un dispositivo equipaggiato con il SoC Apple M1. Ricordiamo che NetBSD è OS open source “UNIX-like” che pone l’enfasi su velocità, sicurezza e portabilità. Si tratta di un altro importante passo avanti nell’esecuzione di sistemi operativi diversi da macOS su chip M1.

Apple M1

NetBSD è un progetto open source basato su Berkeley Software Distribution (BSD). Segue gli ideali UNIX di semplicità, design curato e, soprattutto, portabilità. Poiché NetBSD è uno dei sistemi operativi più portatili, era solo questione di tempo prima che la sua comunità di sviluppatori ne producesse anche una versione per M1.

Apple M1 è un SoC personalizzato, il che rende complicato il porting di qualsiasi sistema operativo estraneo a quello originale. Il processore ha bisogno di driver per funzionare e su Linux è al momento è ancora WIP (work in progress). Tuttavia, lo sviluppatore è riuscito ad avviare un’implementazione WIP di NetBSD versione 9.99.85 sul chip Apple M1, pubblicando l’intera sequenza di avvio online. Ha usato il comando dmesg per registrare il contenuto del buffer dei messaggi di sistema e memorizzarlo nel percorso /var/run/ come file dmesg.boot. Nel caso foste interessati, è possibile accedervi da qui.

Sebbene questo risultato non sia interamente correlato all’arrivo di una versione perfettamente funzionante di Linux su chip M1, è importante notare che questi sforzi compiuti nel mondo open source sono molto importanti in quanto aiutano a trovare nuove soluzioni al problema. In attesa di una ulteriore evoluzione di Linux sul chip M1, siamo comunque felici di vedere uno sviluppatore al lavoro su un altro sistema operativo, consentendo a una piattaforma completamente nuova di funzionare su Apple Silicon.