Mac

Apple M1 Max stupisce in Adobe Premiere Pro

Sono arrivati ​​i primi risultati provenienti da benchmark effettuati sul System-On-Chip M1 Max di Apple in un’applicazione professionale. Nonostante le prestazioni del nuovo MacBook Pro basato su M1 Max in Adobe Premiere Pro sembrino molto buone rispetto al modello di generazione precedente con grafica dedicata, lo stesso non si può dire se confrontate alle workstation x86 con processori grafici autonomi.

Giovedì un utente in possesso di un MacBook Pro basato su M1 Max ha pubblicato i dati relativi alle performance registrate in Adobe Premiere Pro nel database PugetBench. I risultati sono stati ottenuti utilizzando PugetBench per Premiere Pro 0.95.1 e Premiere Pro 15.4.1, quindi è possibile confrontarli con quelli avuti su altri sistemi ad alte prestazioni e scoprire come il nuovo MBP si posiziona rispetto alle macchine basate su CPU x86 e GPU dedicate.

Photo Credit: Apple
Apple M1 Max Benchmark Adobe Premiere Pro

L’editor video Premiere Pro 15.4.1 di Adobe è uno dei programmi in grado di sfruttare praticamente tutti i tipi di unità di elaborazione, inclusi core CPU general purpose, core GPU e motori di riproduzione multimediale. Pertanto, l’applicazione può dimostrare le capacità di una piattaforma sotto diversi aspetti. PugetBench per Premiere Pro misura sia la riproduzione live che le prestazioni di esportazione con un’ampia gamma di codec a risoluzioni 4K e 8K. Inoltre, ci sono sequenze dedicate “Heavy GPU Effects” e “Heavy CPU Effects” nei test di esportazione progettati per mettere alla prova l’hardware appropriato. Il MacBook Pro 16 di Apple basato sul SoC M1 Max ha ottenuto un punteggio complessivo standard di 1.168 e uno complessivo esteso di 1.000 in PugetBench per Premiere Pro 0.95.1, significativamente più alti rispetto ai laptop di fascia alta. Per ovvie ragioni, PugetBench per Premiere Pro 0.95.1 (che utilizza Premiere Pro 15.4.1) calcola il suo punteggio complessivo in base a vari tipi di carichi di lavoro, quindi ha senso dare un’occhiata ai risultati dettagliati e vedere dove eccelle esattamente il nuovo SoC di Apple .

L’M1 Max di Apple ha chiaramente un eccellente motore di riproduzione multimediale che supera non solo le GPU mobili standalone, ma anche la GeForce RTX 3090 top di gamma di NVIDIA. Coloro che editano filmati apprezzeranno sicuramente l’M1 Max di Apple poiché, basandosi su PugetBench per Premiere Pro 0.95.1, è possibile notare che i nuovi sistemi MacBook Pro siano in grado di offrire un’esperienza molto fluida che sarà persino migliore di quella su desktop potenti.

Il nuovo MacBook Pro 16 supera nettamente il suo predecessore nei carichi di lavoro di esportazione, ma è in qualche modo indietro rispetto ad altri laptop di fascia alta ed è drasticamente indietro rispetto ai desktop avanzati. È necessario sottolineare che i carichi di lavoro di esportazione di PugetBench per Premiere Pro includono pesanti effetti CPU e sequenze di effetti GPU impegnative; quindi, il punteggio complessivo è in qualche modo misto.  Sospettiamo che l’M1 Max di Apple superi la concorrenza nelle pesanti sequenze di effetti della CPU, ma rimanga indietro in quelle che coinvolgono la GPU; quindi, dipende davvero dall’esatto carico di lavoro se i nuovi MBP riusciranno a fornire un’esperienza migliore rispetto ad altre piattaforme.

Photo Credit: Tom's Hardware
Apple M1 Max Adobe Premiere Pro

Premiere Pro di Adobe è una di quelle applicazioni professionali che possono trarre vantaggio dalle capacità di calcolo della GPU; quindi, non sorprende che il nuovo MacBook Pro con la sua GPU personalizzata a 32 cluster con 4096 ALU annienti la Radeon Pro 5500M di AMD utilizzata nei MacBook Pro della generazione precedente. Il nuovo SoC M1 Max può anche competere molto bene con le GPU mobili standalone, vale a dire la GeForce RTX 3060 e RTX 3080 (che sembra stranamente lenta in questo benchmark), in Premier Pro consumando molta meno energia. Ma la nuova GPU integrata di Apple non può avvicinarsi ai livelli di prestazioni offerti dalle schede grafiche dedicate desktop, qualcosa di cui Apple ha bisogno per le sue workstation Mac Pro.

Quando Apple ha introdotto i suoi M1 Pro e M1 Max all’inizio della scorsa settimana, non ha dimostrato le loro prestazioni in nessuna specifica applicazione per workstation, ma si è concentrata su performance e consumo energetico in una serie di programmi e ha confrontato le prestazioni di CPU e GPU con quelle di altri notebook. Anche se possiamo aspettarci che i nuovi SoC offrano un buon equilibrio tra prestazioni e consumo energetico, proprio come M1, le specifiche sono importanti. Poiché Apple non le ha fornite, è necessario recuperare tali informazioni da altre fonti, che non sono accurate al 100%.

Apple posiziona chiaramente i suoi system-on-chip M1 Pro e M1 Max per applicazioni workstation; quindi, mentre è divertente vedere come il SoC M1 Max si confronta con CPU e GPU dedicate in test come GFXBench 5 o Geekbench 5, questi non sono certamente carichi di lavoro per cui questo chip è stato progettato. Adobe Premiere Pro 15.4.1 è uno dei programmi che verranno utilizzati sui nuovi laptop MacBook Pro e le prestazioni in questa applicazione mostrano che il SoC M1 Max di Apple ha un motore di riproduzione multimediale leader del settore, core CPU general purpose allo stato dell’arte e una GPU che può superare quelle di NVIDIA mobile (almeno in Premiere Pro).