Tom's Hardware Italia
Schede madre

Asus W1, il notebook si avvicina all’Home The

Asus Italia ha organizzato una conferenza stampa in quel di Milano per presentare alla stampa il nuovo e innovativo Notebook W1. Il colosso taiwanese, forte di un fatturato 2003 superiore ai 6 miliardi di dollari USA, è leader nella produzione di motherboard ma occupa posti di rilievo anche in altri mercati, come quello delle console […]

Asus Italia ha organizzato una conferenza stampa in quel di Milano per presentare alla stampa il nuovo e innovativo Notebook W1.

Il colosso taiwanese, forte di un fatturato 2003 superiore ai 6 miliardi di dollari USA, è leader nella produzione di motherboard ma occupa posti di rilievo anche in altri mercati, come quello delle console da gioco (!) e dei notebook.

Gli oratori hanno approfittato dell’incontro per mostrare i lusinghieri risultati di Asus nel 2003. Abbiamo notato con piacere che, come spesso capita, l’unica testata citata come fonte autorevole è stata Tom’s Hardware Guide. Lo speaker Roberto Moras ha mostrato con orgoglio il

Readers’ Choice Awards 2003 assegnato nel settore motherboard e un premio nella sezione schede video.

Finalmente siamo giunti alla presentazione dell’attesa linea W1, che non ha deluso le aspettative. Si tratta di macchine che grazie alle ottime qualità multimediali alla bisogna si trasformano in cinema portatili: chip video ATi M10 (Radeon Mobility 9600), brillante schermo cinemascope

15.4" (16:10) SXGA, 2 speaker + subwoofer integrato.


Asus W1

A un primo sguardo ci sono sembrati una manna per chi apprezza la visione di DVD e DivX su PC. Inoltre grazie al sintonizzatore TV integrato un W1 può tranquillamente sostituirsi al caminetto di casa, specie se ci collegate un kit di casse surround. Asus ha anche ideato una sorta di "Home Theater da passeggio", utilizzando contemporaneamente cuffie e speaker integrati infatti vi troverete un originale e completo sistema 4.1.


Il W1 completamente aperto. La chiusura è affidata a magneti

Il cuore della nuova linea è Centrino, con processori

fino a 1,7 GHz, ma è già predisposta ad accogliere le CPU di prossima generazione Intel Dothan fino a 1,8 GHz.

Per quanto riguarda la connettività, sono disponibili tre porte USB 2.0, una porta VGA Mini D-Sub 15-pin per display esterno, una porta FireWire TM IEEE 1394, una porta a raggi infrarossi IrDA, un modem con connettore RJ11, uno slot PCMCIA di tipo II e una scheda LAN GBE 10/100/1000 con connettore RJ45.


Il portatile è rivestito interamente di alluminio satinato.

Il portatile ci ha dato un’ottima impressione sia a livello visivo che uditivo, non vediamo l’ora di metterlo sotto torchio per analizzarlo filo e per segno. A occhio e croce ci sembra un’ottima idea, 3,2 kg. di concentrato tecnologico, forse un po’ ingombrante forse ma in grado di garantire un’esperienza mobile di tutto rispetto.