Computer Portatili

Bollino nero per i PC in Europa, difficile fare peggio

Le vendite di PC a livello globale non vanno certo bene, ma l'Europa è l'epicentro della crisi. È quello che emerge chiaramente dall'ultima ricerca di mercato di Gartner relativa al mercato PC nel secondo trimestre del 2013, focalizzata sul Vecchio Continente.

A livello mondiale le vendite sono diminuite del 10,9% rispetto al 2012, ma in Europa si sono abbassate di quasi il doppio: siamo a -19,8%. Gartner conferma così le stime preliminari che aveva pubblicato un mese fa, sotto lineando come Acer e Asus siano le due aziende che hanno subito la mazzata peggiore. Le consegne di Acer sono precipitate del 44,7%, Asus è a -41,7%.

Lenovo è l'unica che cresce

Per gli altri gli affari non vanno comunque meglio: HP resta prima in classifica ma lascia sul terreno il 17,40%, Dell contiene i danni e perde solo l'1,10 percento. L'unica che riesce comunque a crescere nonostante le tasche vuote degli utenti europei è Lenovo, che mette a segno un brillante +18,9%.

Nel complesso comunque le vendite sprofondano sia che si parli di desktop (-23%) sia di notebook (-12%). La colpa, secondo Gartner, è da ricondurre alla fine dell'era dei netbook e al fatto che le loro importanti quote di mercato (all'epoca) sono state rimpiazzate in gran parte dai tablet e non da PC tradizionali.

A questo Gartner aggiunge che i produttori si sono concentrati sul passaggio di gamma verso i prodotti Haswell e Windows 8.1 riducendo l'offerta di nuovi prodotti nel periodo di transizione. È scontato che i produttori si stanno concentrando per produrre sistemi con la nuova piattaforma Intel e Windows 8 per cercare di attirare clienti.

Produttore Spedizioni
Q213
Quota di mercato Q213 (%) Spedizioni Q212 Quota di mercato Q212 (%) Crescita Q212-Q213 (%)
HP 2.280 20.8 2.760 20,2 -17.40
Acer 1.305 11.9 2.362 17,3 -44,70
Lenovo 1.258 11.5 1.058 7.8 18,9
Dell 1.172 10,7 1.185 8.7 -1.10
Asus 850 7.8 1.458 10,7 -41,70
Altri 4.077 37.3 4.820 35.3 -15,40
Totale 10.942 100.0 13.643 100.0 -19.8

Vedremo entro fine anno notebook più sottili e durata della batteria maggiore, magari con lo schermo che si stacca dalla base. Il problema, sottolinea Escherich, è che "questi PC andranno in concorrenza con i tablet di fascia alta" e non con quelli di fascia bassa, che sono i più venduti.

Spetterà ai prodotti di nuova generazione basati su Atom cercare di frenare l'arrembaggio dei tablet economici, ma resta da dimostrare se saranno vincenti.