Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Bozza di legge UE per il futuro delle batterie

Pagina 1: Bozza di legge UE per il futuro delle batterie
Gli esponenti politici del Parlamento Europeo hanno trovato un accordo per una nuova norma sul riciclo delle batterie portatili. I produttori saranno responsabili di tutte le operazioni.

Il cestino dei rifiuti non potrà essere più considerato la porta per l’oblio del consumismo tecnologico occidentale. Acquistare, consumare e buttare è diventato un ciclo inconscio dagli effetti collaterali devastanti, soprattutto per l’ambiente. Certamente la politica non è preoccupata dalla declinazione capitalistica, ma dal crescente inquinamento e le difficoltà di gestione degli agenti chimici nascosti negli oggetti ad uso quotidiano. Il Parlamento Europeo, martedì scorso, ha trovato un accordo, in quel di Bruxelles, per il riciclo delle batterie e la regolamentazione dei loro contenuti massimi di metalli pesanti. Un problema che pesa sulle coscienze ecologiste con le sue 160 mila tonnellate, del segmento consumer, 190 mila tonnellate, dell’industria, e 800 mila tonnellate dell’automotive. Una mole di accumulatori di ogni dimensione e potenza che ogni anno vengono acquistati all’interno della Comunità Europea, e che dopo accesi dibattiti hanno finalmente trovato una marcia funebre adeguata.

I rappresentanti comunitari hanno fissato come obiettivi il riciclo del 50% delle batterie prive di cadmio o piombo, del 75% di quelle che contengono cadmio e del 65% di quelle con presenza di piombo. Gli studi scientifici confermano, infatti, che il mercurio e il piombo sono in grado danneggiare severamente il sistema nervoso; il cadmio è cancerogeno. I produttori saranno chiamati ad un maggiore impegno nelle operazioni di raccolta e riciclo; solo le piccole e medie imprese verranno escluse dalla suddetta responsabilità. Inoltre, per la felicità dei consumatori, non si potranno pubblicizzare performance non riscontrabili, e sarà istituito l’obbligo di apporre ai prodotti etichette che specifichino in maniera dettagliata il contenuto chimico e la potenza.      

Quest’ultima misura non faceva parte della proposta originale, ma il Parlamento ha ritenuto che i consumatori avrebbero dovuto disporre di tutte le informazioni per scegliere batterie, ad alte prestazioni, che permettano una lunga durata”, ha dichiarato Johannes Blokland, il membro olandese del Parlamento Europeo che ha condotto il dibattito. “Le batterie economiche non necessariamente si dimostrano la migliore scelta per l’ambiente se hanno una durata troppo corta. Dal 2009 tutte le batterie e gli accumulatori dovranno mostrare etichette con la loro reale capacità”.