Periferiche di Rete

Cambiamenti climatici: WiFi e comunicazioni a rischio

Secondo uno rapporto del Governo del Regno Unito, gli accessi a Internet in modalità Wi-Fi e gli altri mezzi di telecomunicazione potrebbero essere a rischio per colpa del riscaldamento globale e dell’aumento delle perturbazioni.

Il segretario di stato Caroline Spelman ha dichiarato che le alte temperature riducono la portata delle comunicazioni wireless, mentre temporali frequenti influiscono sull’affidabilità del segnale. Estati secche e inverni più piovosi potrebbero aumentare questi rischi, danneggiando tralicci e cavi sotterranei.

Il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici interferiscono con le telecomunicazioni

Lo scopo della relazione è di alzare il livello di guardia in modo da prendere provvedimenti rinforzando le infrastrutture del Regno Unito, ma l’allarme si può estendere benissimo a tutti i paesi più sviluppati. “Se il clima minacciasse la qualità del segnale sarebbe un serio problema, soprattutto durante situazioni di emergenza, dove Ã¨ indispensabile un’efficiente sistema di comunicazione”, ha dichiarato Spelman.

Anche il capo consigliere per la politiche di Greenpeace, Ruth Davis, è intervenuto sull’argomento. “Questo rapporto ci ricorda che i cambiamenti repentini del clima globale influenzano il nostro mondo e la nostra vita quotidiana in modo caotico e imprevedibile. Il Regno Unito non ne sarà immune e questo mostra quanto sia importante iniziare a ridurre le emissioni e l’inquinamento“.

Il Governo inglese vuole attuare numerosi provvedimenti per limitare i danni del maltempo – Clicca per ingrandire

Le misure necessarie per affrontare il problema includono un nuovo tipo di asfalto per impedire la fusione durante i periodi caldi, binari più resistenti al calore, rinforzi degli argini stradali, ferroviari e dei ponti contro inondazioni e cedimenti. Inoltre si prevedono opere per proteggere maggiormente le centrali nucleari e i depositi di carburante fossile, turbine eoliche più resistenti a venti forti e rinforzare i cavi elettrici per evitare l’espansione e i cedimenti durante estati particolarmente torride.

Il Regno Unito ha dunque deciso d’intervenire in modo da essere pronti agli imprevedibili disastri ambientali. Una cura che però non deve distogliere l’attenzione dall’obiettivo di ridurre le emissioni, che secondo molti pareri illustri è il principale responsabile dei cambiamenti climatici del nostro pianeta.