Computer Portatili

Carenza di CPU Intel, Dell guarda ai processori AMD

Intel ha confermato recentemente le difficoltà a coprire la domanda di CPU e che questa situazione sta ovviamente impattando sui produttori di PC. Di conseguenza le aziende stanno rivolgendo l’attenzione altrove per coprire le proprie esigenze.

Tra chi sembra intenzionato a valutare alternative c’è Dell, almeno secondo quanto affermato dal direttore finanziario Tom Sweet a Yahoo Finance.

Secondo Sweet, lo shortage dei chip Intel non migliorerà fino alla seconda metà del 2020 e per questo l’azienda sta valutando i processori AMD.

Le parole del direttore finanziario arrivano a margine dei risultati finanziari, in cui Dell ha visto calare le vendite di PC consumer del 6% proprio a causa dello shortage (così almeno riporta Yahoo Finance).

Per quanto concerne l’offerta di AMD, l’ultima generazione di CPU Ryzen 3000 è altamente competitiva e diversi modelli offrono prestazioni per prezzo migliori delle controparti Intel in ambito desktop.

Sul fronte mobile Intel ha ancora un vantaggio dal punto di vista complessivo dell’offerta (prestazioni, autonomia, ecc.), ma lo shortage apre uno spiraglio ad AMD, che tra l’altro si appresta a rinnovare l’offerta per portatili nella prima metà del 2020.

Non sarebbe comunque la prima volta che Dell abbraccia le soluzioni di AMD, anche se in passato si è trattato più che altro di GPU e solo in rari casi di CPU. In ogni caso, rimane da vedere quanto Dell amplierà l’offerta di modelli con processori AMD e in quali ambiti.

Ricordiamo comunque che anche Razer non ha escluso l’eventualità di adottare CPU differenti dalle proposte Intel in futuro e che MSI propone l’Alpha 15, un notebook totalmente AMD.