Schede madre

Chipset X99 pronto per Haswell-E e anche Broadwell-E?

I processori Haswell-E e il PCH X99 "Wellsburg", destinati a prendere il posto delle attuali proposte Ivy Bridge-E nel terzo trimestre, rappresenteranno una delle principali novità nel settore dei processori e delle motherboard di quest'anno.

Il PCH X99 offrirà supporto alla memoria DDR4, che quindi farà il suo debutto nel mondo consumer, anche se partendo dalla fascia più alta. Le nuove piattaforme, basate sul socket LGA 2011-3 (differente dall'attuale LGA 2011) potranno gestire quattro canali di memoria fino a 2133 MHz, con un solo modulo per canale.

Wellsburg dovrebbe mettere a disposizione anche 14 porte USB (sei USB 3.0, otto USB 2.0) e 10 porte SATA 6 Gbps, oltre che otto linee PCIe 2.0. Il PCH X99 dovrebbe rimanere una costante anche della piattaforma che arriverà nel 2015, quella compatibile con le CPU Broadwell-E (a 14 nanometri), anche se forse con un supporto di memoria maggiore.

Per quanto concerne i processori Haswell-E, si tratterà di soluzioni prodotte a 22 nanometri, con migliori prestazioni x86 figlie del passaggio dall'architettura Ivy Bridge a quella Haswell, con il conseguente aumento dell'IPC – istruzioni per clock.

In questa famiglia troveremo modelli con sei e otto core, mentre non ci sarà più una soluzione quad-core come gli anni scorsi. Probabilmente avremo una CPU della serie "X" con otto core e due soluzioni "K" a sei core. Il processore non si farà mancare inoltre 40 linee PCI Express 3.0 e sarà collegato al PCH mediante il bus DMI 2.0.