Software

Chrome, Safari, Windows 7 e iOS sempre più usati

Chrome e Safari in grande crescita secondo i dati di Net Applications del mese di aprile, mentre sul fronte dei sistemi operativi troviamo un deciso passo avanti di Windows 7 e iOS.

Nel settore dei browser, Internet Explorer rimane saldamente al comando, grazie a una quota complessiva del 55,11%, inferiore rispetto al 55,92% di marzo. Firefox è secondo con il 21,63%, un dato anch’esso in calo rispetto alle precedenti rilevazioni (21,80%). Chrome, il browser di Google, si avvicina al 12%, toccando precisamente l’11,94%. Nel mese di marzo la sua quota era dell’11,57%. Ancora più impressionante la crescita di Safari, che è passato dal 6,61 al 7,15% (grazie ai dispositivi iOS? Non è chiaro). Opera rimane pressoché stabile con il 2,14%.

In questo contesto, è interessante fare un confronto tra le varie versioni dei browser disponibili, soprattutto le ultime. Internet Explorer 8 è stato il browser più usato nel mese di aprile con il 33,06%, seguito da Firefox 3.6 (13,52%), IE6 (10,85%) e Chrome 10 (9,91%).

Quest’ultimo dato è in particolar modo degno di nota, perché nonostante sia uscita la versione 11 sul finire del mese, Chrome 10 può ritenersi la versione di aprile del browser di Google e la sua quota – non molto differente da quella complessiva – fa capire quanto bene funzioni il sistema di aggiornamento o siano attenti gli utenti. Per la cronaca Net Applications dà alla versione 11 una quota dello 0,50%.

Firefox 4 ha una quota del 5,43%, mentre Internet Explorer 9 del 2,41%. A marzo i due browser erano rispettivamente all’1,68% e all’1,04%. Firefox 4 è quindi cresciuto di più, ma il software di navigazione di Mozilla è disponibile anche su Windows XP e altri sistemi operativi. IE9, invece, è installabile solo su Windows Vista e 7.

Prendendo in esame il solo Windows 7, i browser si posizionano così: Internet Explorer 8 (47,54%), Chrome 10 (14,75%), Firefox 3.6 (14,07%), Firefox 4.0 (8,40%) e Internet Explorer 9 (7,46%). Net Applications riporta inoltre che la quota giornaliera di IE9 per il 30 aprile ha toccato il 9,95% su Windows 7, il che lascia trasparire margini di crescita abbastanza ampi per il browser di Microsoft.

Per quanto riguarda i sistemi operativi desktop, Windows continua a essere il più popolare con una quota totale dell’88,91%, inferiore all’89,58% del mese di marzo. Mac OS ha il 5,40% (+0,15%), mentre Linux lo 0,94% (-0,02%)

All’interno di questi dati emergono, in ordine: Windows XP (53,18%), Windows 7 (25,11%) e Windows Vista (10,22%) per quanto riguarda l’ecosistema Microsoft. Sul fronte Apple, Mac OS X 10.6 è al 3,65% e la versione 10.5 all’1,3%. Windows XP e Vista continuano, mese dopo mese, il loro inesorabile calo. Windows 7, invece, è cresciuto di quasi un punto percentuale. La quota di Mac OS X 10.6 è passata dal 3,5 al 3,65% in trenta giorni.

Da segnalare la crescita di iOS (+0,37%, per un totale del 2,24%), grazie a iPhone (+0,21%; 1,23%), iPad (+0,12%; 0,82%) e iPod Touch (+0,04%; 0,19%). Android è passato dallo 0,56 allo 0,66%. Questi dati non sorprendono, visto che gli utenti si connettono sempre di più a Internet con gli smartphone. Le quote dei due sistemi operativi mobile sono destinate solamente a crescere nella torta complessiva. L’aspetto importante è semmai capire quanto sale e come sono posizionati sul mercato.