Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Schede Grafiche

Come trovare il limite della propria scheda video

Pagina 1: Come trovare il limite della propria scheda video

Come appassionati siamo sempre desiderosi di capire come funzionano le nuove schede video a livello tecnico. Le prestazioni teoriche sono calcolabili con le informazioni diffuse da AMD e Nvidia, ma quei numeri non sono sempre adatti a capire come si comporterà quel componente all'interno del vostro case. Se poi overcloccate, la faccenda si complica ulteriormente, in quanto ogni sample si comporta in modo diverso.

Spesso, inoltre, durante l'assemblaggio di un nuovo sistema si presentano problemi inattesi che bisogna capire e risolvere. Di conseguenza saper fare dei buoni test di stabilità permette di capire se i componenti stanno funzionando nel modo corretto.

Che il vostro obiettivo sia scoprire problemi di consumo o termici durante il normale funzionamento o capire quanto potete spingere un componente prima di arrivare al limite, è necessario usare il giusto software. In questo modo potrete identificare i punti deboli, risolverli e ottimizzare.

Come migliorare il raffreddamento della scheda video – Come ottimizzare la scheda video per migliorare le prestazioni

In questo articolo in due parti proviamo a stabilire i software necessari, spiegando i rispettivi pro e contro. In questa prima parte ci occupiamo delle schede video, nella seconda che pubblicheremo prossimamente della CPU e di come sottoporre il sistema a uno stress test.

IMPORTANTE AVVISO su tutti gli stress test

Prima di iniziare dobbiamo avvisare i nostri lettori sui pericoli inerenti l'esecuzione degli stress test. I software che vi presentiamo potrebbero produrre non solo un carico grafico elevato, ma potenzialmente spingere la scheda oltre i power limit definiti dal produttore.

Usare questi software può danneggiare il sistema, specie se lo fate per lunghi periodi di tempo. Chi usa questi software se ne assume, di conseguenza, tutte le responsabilità. Assicuratevi di monitorare di continuo i parametri rilevanti, incluse le temperature, con software precisi e aggiornati. Almeno potrete abortire il test immediatamente nel caso fosse necessario.

Scegliere il giusto software di monitoraggio

GPU-Z è il software da usare per il monitoraggio della scheda video. È gratuito e non occupa molte risorse, e mostra i parametri più importanti di ogni scheda. Può anche scrivere un log di quei parametri in tempo reale. GPU-Z è costantemente aggiornato e migliorato, il che lo rende una grande scelta per i novizi – anche se non fornisce dati in sovraimpressione durante il gaming. Oltre alle temperature possono essere visualizzati e registrati diversi carichi, limiti, velocità delle ventole e valori di consumo/tensione. Scaricate GPU-Z da qui.

gpu z

MSI Afterburner è persino più completo. Non è solamente un software per l'overclock, ma include anche molte funzioni di monitoraggio. Inoltre, offre un overlay in-game che mostra i dati in tempo reale.

afterburner

Anche Radeon Software di AMD può fare tutto questo, ma Afterburner è più facile da configurare e flessibile nelle variabili mostrate a schermo – per non parlare dei caratteri e dei colori. Scaricate MSI Afterburner da qui.

HWiNFO64 può fare di più che monitorare solo la scheda video. Il software legge praticamente qualsiasi sensore e può scrivere i dati su un file in tempo reale. Il loop del sensore però tende a laggare a causa del numero di letture. Persino intervalli di un secondo non sempre impediscono l'insorgere di lag nelle rilevazioni.

hwinfo64

Di conseguenza il nostro consiglio è non solo di nascondere le letture non necessarie del sensore (rete, sistema, dischi, ecc.), ma di escluderle del tutto dal loop. Ciò consente una visualizzazione meno ingombrante e libera del suddetto lag, persino usando intervalli di 500 ms. Scaricate HWiNFO64 qui.

Nella seconda parte di questo articolo vedremo che HWiNFO64 è uno strumento fantastico per leggere anche i sensori della motherboard.

Scegliere la giusta scheda video

gpu 02

Per questo articolo abbiamo deliberatamente scelto di usare una scheda video di fascia bassa con un power limit di 100W perché vogliamo esplorare le temperature dei singoli componenti. La ROG Strix Radeon RX 560 di Asus funziona bene per quel compito.

I moduli di memoria e i convertitori di tensione non hanno contatto con il dissipatore, il che significa che non possono influenzarsi l'un l'altro. Sono distanti sul PCB e questo ci permette di trarre conclusioni con maggiore sicurezza.

gpu 01

Abbiamo condotto alcuni test casuali con schede video molto più prestanti e grandi (Sapphire Radeon RX Vega 64 Nitro+ e Galax/KFA² GTX 1080 Hall of Fame). Questi test ci hanno confermato quello che sospettavamo: a causa dei problemi indicati in precedenza, le schede video di fascia alta si riscaldano completamente dopo ~30 minuti, facendo ombra ai dettagli più importanti.

Sistema di prova e metodologia

sistema

Questo è l'hardware che usiamo per gran parte delle recensioni:

Sistema di test
Hardware Intel Core i7-8700
MSI Z370 Gaming Pro Carbon AC
G.Skill Trident Z 16GB (2 x 8GB)
Crucial MX300 1TB
be quiet! Dark Power Pro 11 850W
Raffreddamento Alphacool Eisblock XPX
Alphacool Eiszeit 2000 Chiller
Thermal Grizzly Kryonaut
Case Microcool Banchetto 101
Scheda video Asus RX 560 Strix OC
Monitor Eizo EV3237-BK
Rilevazione consumi Misura DC senza contatto allo slot PCIe (usando una riser card)
Misura DC senza contatto al cavo di alimentazione esterno ausiliario
Misura di tensione diretta all'alimentatore
2 oscilloscopi multicanale digitali Rohde & Schwarz HMO 3054, 500 MHz con funzione di archiviazione
4 pinze amperometriche Rohde & Schwarz HZO50 (1mA – 30A, 100 kHz, DC)
4 Rohde & Schwarz HZ355 (10:1 sonde, 500 MHz)
1 multimetro digitale con funzione di archiviazione Rohde & Schwarz HMC 8012
Rilevazione temperature 1 videocamera a infrarossi Optris PI640 80 Hz + PI Connect
Monitoraggio e registrazione all'infrarosso in tempo reale
Sistema operativo Windows 10 Pro USB (1709, tutto aggiornato)