CPU

Componenti contraffatti invadono il mercato cinese, finiranno anche nei vostri dispositivi?

The Epoch Times ha riportato che moltissimi chip falsi hanno recentemente invaso il mercato cinese, il più grande centro manifatturiero del mondo. Di conseguenza, tali componenti potrebbero arrivare in altri mercati dato che la Cina esporta prodotti finiti, quindi potenzialmente potreste trovarvi tra le mani articoli contenenti chip non originali. La carenza globale di chip ha già aumentato i prezzi dei componenti e dell’elettronica, ma c’è un altro effetto negativo che l’offerta ridotta potrebbe portare: un’ondata di chip contraffatti. Questi prodotti non solo possono rovinare l’esperienza dell’utente, ma anche comportare rischi per la sicurezza. I componenti fake possono effettivamente funzionare e persino raggiungere i giusti livelli di prestazioni, ma, a seconda di come è stata costruita una parte particolare, potrebbero guastarsi dopo un certo periodo di utilizzo o in determinate condizioni.

Ottenere un lotto di chip riciclati o difettosi è un grosso problema per le aziende più piccole che non hanno la capacità di testare tutti i loro prodotti finiti, ma almeno possono richiamare un lotto potenzialmente malfunzionante, soprattutto se rivolto a settori come quello automobilistico o sanitario. “Il vero problema sorge se i distributori mescolano componenti buone e riciclate/difettose e le vendono in un unico lotto” – riporta The Epoch Times. Inoltre, i chip potenzialmente imperfetti vengono venduti allo stesso prezzo di quelli perfettamente funzionanti, il che li rende ancora più difficili da rilevare. In molti casi, nessuno saprà che alcuni pezzi sono potenzialmente difettosi prima che si guastino.

I chip fasulli esistono da decenni. Sulle CPU, eventuali malintenzionati appongono nuovi contrassegni sui chip acquistati al dettaglio, vendendo modelli più lenti a prezzi più elevati. Questo tipo di falsi è stato sradicato nei primi anni 2000 quando AMD e Intel hanno iniziato a eseguire il flashing dei modelli di CPU nella ROM dei loro processori, rendendo più facile l’identificazione delle unità segnalate. Con chip e componenti destinati ad apparecchiature commerciali, industriali, sanitarie o militari, la situazione è leggermente diversa in quanto i truffatori possono vendere chip non testati, non qualificati, non conformi, segnalati, riciclati e semplicemente malfunzionanti. Possono anche costruire parti come SSD o moduli di memoria da zero e apporre etichette e contrassegni falsi su di essi.

credit: unsplash.com

I grandi produttori di PC tendono ad acquistare i chip direttamente dai produttori, quindi ottenere, ad esempio, un notebook contenente un componente falso è uno scenario improbabile. I produttori più piccoli di dispositivi commerciali e industriali acquistano i chip direttamente dai loro produttori (o sviluppatori nel caso di fornitori fabless come AMD o Qualcomm) o da grandi distributori come Arrow, Avnet, Ingram Micro o Mouser. Queste aziende vendono chip per decine di miliardi di dollari ogni anno e sono vitali per il settore. Ma in un mondo in cui i produttori non possono ottenere abbastanza chip dai loro soliti partner, a volte potrebbero dover acquistare componenti da piccoli rivenditori e occasionalmente questi ultimi vendono inavvertitamente (e talvolta consapevolmente) chip contraffatti. La maggior parte dei produttori comprende i rischi e tende ad acquistare da fonti note e affidabili e a testare i componenti prima di utilizzarli, ma alcuni potrebbero correre un rischio nella situazione attuale.

Al giorno d’oggi utilizziamo decine di dispositivi elettronici che potenzialmente possono essere dotati di un componente contraffatto. Alcuni dispositivi non svolgono un ruolo cruciale, ma utilizziamo vari prodotti smart sparsi per la casa che potrebbero influire sulla sicurezza.

Alla ricerca di un nuovo PSU per alimentare la vostra prossima GPU? Corsair RM750X, alimentatore modulare da 750W, è disponibile su Amazon.