Software

Condividete la password di Netflix? Fate parte del 38% secondo un’indagine Kaspersky

Condividere la password dei servizi di streaming online con i propri coinquilini è diventata ormai pratica comune. Secondo una ricerca condotta da Kaspersky, il 38% degli italiani e il 46% degli intervistati a livello mondiale ha condiviso le proprie credenziali con altre persone conviventi nello stesso spazio abitativo.

Il report in questione è chiamato “More Connected Than Ever Before: How We Build Our Digital Comfort Zones” ed è stato realizzato da Sapio Research per conto di Kaspersky tra maggio e giugno del 2020 su una base di oltre 10 mila intervistati. Tutti queste persone dispongono di almeno due dispositivi connessi all’interno della propria abitazione e fanno parte dei seguenti Paesi: Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Austria, Svizzera, Francia, Messico, Brasile, Australia, Singapore, Italia, Spagna, Arabia Saudita, Turchia, EAU, Colombia, Perù, Cile, Argentina, Thailandia e Filippine.

Kaspersky research

Il 32% delle persone che condividono le proprie credenziali per i servizi di streaming di contenuti a livello mondiale teme che i propri account non siano al sicuro siccome non dispongono di abbastanza informazioni riguardo alle abitudini online delle persone che ne hanno accesso. La percentuale si abbassa al 17% prendendo in considerazione solamente gli utenti italiani.

Oltre a condividere l’accesso ai servizi di streaming, il 6% degli italiani, contro il 33% a livello globale, ha dichiarato di condividere anche le credenziali per l’utilizzo di sistemi di retail online come eBay o Amazon Prime. Inoltre il 13% degli italiani condivide un account dedicato ai servizi di consegna di cibo a domicilio come Deliveroo mentre ben il 38% mette a disposizione dei coinquilini i propri servizi dedicati al gaming online come Xbox Live.

Nella società moderna condividere l’appartamento è una pratica diffusa così come condividere la connessione internet e l’accesso a vari servizi tra coinquilini. Purtroppo, non avere il controllo su come vengono condivisi i dati personali può far sì che questi vengano rubati da persone o gruppi non affidabili. Per evitare che questo accada è possibile sfruttare alcune procedure specifiche di alcuni di questi servizi che consentono di utilizzare un unico abbonamento senza dover condividere le password” ha affermato Andrew Winton, Vice Presidente Marketing di Kaspersky, per poi continuare “Sia che si viva da soli o si condivida l’appartamento con qualcuno, Kaspersky raccomanda di proteggere i dispositivi e le credenziali con soluzioni di sicurezza informatica efficaci per garantire che le informazioni personali rimangano al sicuro“.

Per proteggere i vostri dispositivi ci sono alcune pratiche che è sempre consigliato seguire, come ricorda Kaspersky:

  • Non accedere ai link ricevuti tramite e-mail indesiderate o sospette
  • Accertarsi dell’autenticità dei mittenti delle e-mail verificando l’esistenza dei siti web indicati nel testo
  • Non condividere informazioni personali
  • Non permettere l’accesso ai propri account a terze parti a meno che non sia strettamente necessario

Inoltre viene consigliato di utilizzare soluzioni di sicurezza come Kaspersky Password Manager o Kaspersky Security Cloud che vi possono aiutare a generare e memorizzare password complesse e vi avvertono se i vostri dati sono stati compromessi tramite la funzione Account Check.

Tra le altre statistiche interessanti pubblicate nello studio, troviamo che il 21% degli italiani (43% a livello globale) è preoccupato per l’aumento del tempo trascorso online su piattaforme di gaming o di streaming. Il 19% di noi (contro il 24% degli intervistati nel mondo) è anche preoccupato che le abitudini digitali dei propri coinquilini possano influire sulla velocità della loro connessione ad internet e sulle prestazioni di gioco online.

Anche voi fate parte di questa statistica? Condividete i vostri account online o preferite tenere tutto sotto controllo?

La licenza di Kaspersky Total Security 2020 valida per 1 anno su 5 dispositivi (PC/Mac/Android) e disponibile su Amazon a meno di 40 euro, non perdete questa occasione!