Software

Continuity, condivisione no problem

Pagina 3: Continuity, condivisione no problem

Continuity, condivisione no problem

iOS 8 e Yosemite migliorano la condivisione e interoperabilità all'interno dell'universo Apple. Se possedete un Mac e un iPhone o un iPad, potrete passare dall'uno all'altro senza alcuno sforzo. Facciamo un esempio: state lavorando sul vostro MacBook e qualcuno vi sta chiamando sul vostro iPhone, che avete dimenticato nella tasca del giubbotto; non serve più alzarsi di corsa per rispondere, perché comparirà automaticamente una notifica sul desktop di Mac OS X. Non solo, senza lasciare il notebook si potrà anche rispondere, o eventualmente rifiutare la chiamate. Lo stesso si può fare con i messaggi di testo o vocali, e il sistema funziona anche se l'altra persona non ha un iPhone – vale a dire che non è limitato ai messaggi iMessage.

Condivisione totale

Anche la condivisione di Internet è semplificata, perché Mac OS X e iOS 8 parleranno in maniera più trasparente, e per usare la connettività dati dell'iPhone basterà selezionarlo dall'apposito menù dal MacBook, senza perdere tempo con l'attivazione dell'hotspot.

Lo stesso approccio vale per la condivisione dell'attività su altre applicazioni. Immaginate di compilare una tabella di calcolo, per mostrarla o continuare a lavorare su un iPad non dovrete più condividerla via mail, o tramite qualche servizio cloud, basterà usare un apposito pulsante (handoff button) per trasferire immediatamente il documento sul tablet. Questo sistema sarà compatibile con Mail, Safari, Pages, Numbers, Keynote, Maps, Messaggi, Promemoria, Calendario e contatti.