Raffreddamento

Corsair H100i Elite Capellix | Recensione

Corsair ha da poco presentato una nuova gamma di dissipatori a liquido AIO, che si differenzia dai modelli precedenti per lo più per il design della pompa, rinnovato e impreziosito dalla presenza di ben 33 LED RGB Capellix. Le nuove soluzioni sono disponibili in tre varianti con radiatore da 240mm (H100i), 280mm (H115i) e 360mm (H150i); oggi ci concentreremo sul primo, il Corsair H100i Elite Capellix.

La pompa è l’unica novità reale del nuovo Corsair H100i Elite Capellix, che in ogni altra parte si presenta pressoché identico ai modelli più recenti offerti finora da Corsair. Al posto della plastica lucida troviamo ora una copertura in acrilico, perfetta per dare risalto all’illuminazione RGB; Corsair vi permette di scegliere tra due varianti, una nera e una trasparente, a seconda dei vostri gusti. Entrambe le opzioni sono incluse nella confezione e il coperchio si può facilmente rimuovere grazie alle quattro viti presenti, quindi potrete cambiare l’estetica del vostro dissipatore abbastanza facilmente anche in un secondo momento.

A livello di specifiche tecniche, la pompa ha una piastra di contatto in rame, mentre il radiatore è in alluminio. In confezione troviamo due ventole Corsair ML120 RGB a levitazione, capaci di ruotare fino a un massimo di 2400 RPM e di generare una pressione statica di 4,2 mm-H2O e un flusso d’aria di 75 CFM. Il Corsair H100i Elite Capellix è compatibile con i socket Intel LGA 1200, 1366, 115x, 20xx e AMD AM4, AM3, AM2, sTRX4 e sTR4, inoltre è garantito 5 anni.

Come accade anche per gli altri prodotti della casa californiana, i LED RGB possono essere facilmente gestiti tramite il software iCUE. I già citati 33 LED RGB sono divisi in 21 zone configurabili e possono essere personalizzati con semplicità, inoltre il software permette di modificare il comportamento del dissipatore selezionando tra quattro modalità: quiet, balanced (impostato di fabbrica), extreme o zero RPM, che ferma completamente le ventole quando non ci sono carichi impegnativi da gestire.

L’installazione del dissipatore è semplice e non presenta particolari criticità. All’interno della confezione Corsair include l’iCUE Commander Core, un hub a cui si collegano il PWM 4 pin e il cavo LED delle ventole, oltre a un connettore che esce dalla pompa. L’hub si alimenta tramite SATA, per completare l’installazione ora non bisogna far altro che collegare il cavo USB 2.0 e quello 3 pin ai due header USB 2.0 e AIO_Pump presenti sulla scheda madre.

Prestazioni

Per testare il nuovo Corsair H100i Elite Capellix abbiamo utilizzato un processore AMD Ryzen 7 1700X, non recentissimo ma più che adatto per le nostre prove, abbinato a una scheda madre Asus ROG B450-F Gaming (la trovate su Amazon) e a una scheda video Asus ROG Strix GTX 1660 Ti. Per quanto riguarda le RAM abbiamo scelto un kit da 16 GB di Crucial Ballistix Elite 2666 MHz (acquistabili a questo indirizzo), il tutto alimentato da un Riotoro Enigma da 750 W e montato all’interno di un case Riotoro CRI280 Prism.

Nei benchmark abbiamo deciso di riportare il delta di temperatura, calcolato come differenza tra la temperatura registrata via software e quella dell’ambiente. In questo modo è possibile avere un’idea più chiara delle prestazioni di raffreddamento e i confronti non vengono influenzati dal variare della temperatura della stanza in cui effettuiamo i benchmark.

idle

Nulla da segnalare per quanto riguarda le temperature in idle, dove registriamo un delta di temperatura di soli 4 gradi. Il risultato è in linea con quello del Cooler Master ML240R RGB, anch’esso dotato di radiatore da 240mm.

3DMark Time Spy

Usiamo 3DMark Time Spy per simulare il carico tipico di un videogioco che sfrutta le librerie DirectX 12. Il Corsair H100i Elite Capellix raggiunge un delta di temperatura di 29 gradi, in linea con quello sia del Cooler Master che dell’Asus ROG Ryujin, dotato però di radiatore da 360mm. Il Deepcool Assassin III fa leggermente meglio, con un delta di 28 gradi.

Cinebench R20

Similmente a quanto facciamo con 3DMark, usiamo Cinebench R20 per simulare un carico reale di rendering fotorealistico. Il Corsair H100i Elite Capellix fa registrare un delta di 31 gradi centigradi, superando il Cooler Master ma rimanendo leggermente dietro all’Asus ROG Ryujin, che dissipa meglio il calore grazie alla ventola in più e al radiatore più ampio.

Prime95

Per stressare al massimo il processore e valutare il comportamento dei dissipatori in casi estremi, utilizziamo Prime95 e lo lasciamo in esecuzione per 10 minuti. Qui il Corsair H100i Elite Capellix si comporta davvero bene, eguagliando il Deepcool Assassin III e superando di nuovo il Cooler Master ML240R. Anche il questo caso il Ryujin occupa la testa della classifica, ma come prima il radiatore da 360mm e la ventola in più garantiscono una maggior capacità di dissipazione.

Rumorosità

Per misurare la rumorosità abbiamo posizionato il fonometro a 30 cm dal centro della paratia laterale del case. Non si tratta di una misurazione assoluta in quanto non è stata fatta in una camera anecoica, ma l’idea è piuttosto quella di capire quanto rumore farà il PC una volta posizionato sulla scrivania.

Il Corsair H100i Elite Capellix non è il dissipatore più silenzioso mai provato, ma anche in questo caso ottiene ottimi risultati. In idle è quello che fa registrare il valore più basso tra i vari AIO testati, mentre a pieno carico supera di poco i 40dB, risultando più silenzioso del Cooler Master e solamente di 1dB più rumoroso del DeepCool e del Ryujin.

Conclusioni

Era da un po’ che aspettavamo l’arrivo del sistema di illuminazione Capellix anche sui dissipatori All in One e, finalmente, siamo stati accontentati. Al giorno d’oggi l’aspetto estetico conta molto per gli utenti, in quest’ottica il Corsair H100i Elite Capellix ha tutte le carte in regola per essere considerato uno dei più bei AIO sul mercato. Alcuni potrebbero essere infastiditi dalle quattro viti sulla pompa e preferire soluzioni completamente lisce come ad esempio quelle dei prodotti NZXT o Cooler Master, ma dipende molto dal gusto personale; a noi non hanno dato particolare fastidio, al contrario abbiamo apprezzato il loro posizionamento che rende semplicissimo cambiare la copertura.

Le prestazioni di questo Corsair H100i Elite Capellix non sono diverse da quelle viste sugli altri modelli della gamma H100i, quindi possiamo ritenerci soddisfatti. Come abbiamo visto nei nostri test l’AIO di Corsair riesce a gestire bene qualsiasi carico e la rumorosità è nella media, motivo per cui difficilmente vi darà fastidio durante l’uso (specialmente se indossate delle cuffie).

Il nuovo Corsair H100i Elite Capellix è disponibile all’acquisto al prezzo di 160 euro. Non si tratta di una cifra esagerata, specialmente se consideriamo che in bundle abbiamo l’iCUE Commander Core, ma rimane superiore a quella di altri prodotti Corsair della gamma H100i.

Tirando le somme, chi dovrebbe acquistarlo? Tutti coloro che sono alla ricerca di un dissipatore AIO da 240mm che offra sia ottime prestazioni che un’estetica curata, perfetta per gli amanti dei LED RGB. Chi invece non guarda molto all’aspetto ed è interessato solamente alle performance, sarà felice di risparmiare qualche decina di euro optando per l’H100i Pro RGB (lo trovate qui) o l’H100i Pro RGB XT (disponibile qui), altre soluzioni di Corsair estremamente valide e altrettanto prestanti.