Accessori PC e Gaming

Corsair HS60 Haptic | Recensione

Nell’affollato mondo delle cuffie da gaming è difficile creare un prodotto capace di spiccare sugli altri: per raggiungere questo obiettivo serve integrare funzionalità uniche, o comunque ancora poco diffuse. Corsair ci ha provato inserendo in queste HS60 Haptic un sistema di feedback aptico con tecnologia Taction, che punta ad aumentare ancor di più l’immersività.

Non è una novità assoluta nel panorama degli headset, il systema HyperSense inserito da Razer nelle sue Nari fa la stessa cosa, ma è la prima volta che troviamo questa tecnologia all’interno di una cuffia marchiata Corsair. Il sistema integra dei motori di vibrazione che appunto vibrano quando vengono riprodotte le basse frequenze, in modo da far percepire meglio al giocatore gli elementi che sfruttano di più i bassi, come esplosioni o tuoni.

Caratteristiche

Le Corsair HS60 Haptic sfruttano dei driver da 50mm al neodimio, hanno una risposta in frequenza che va dai 20Hz ai 20kHz (dai 15Hz agli 85kHz per il sistema di feedback aptico) e una sensibilità di 111dB. L’impedenza di 32Ohm permetterebbe di utilizzarle anche con smartphone e tablet, ma le cuffie offrono solamente una connessione USB, di conseguenza possono essere usate solamente con il PC.

Sul padiglione destro troviamo una rotella per regolare l’intensità del feedback aptico e un LED che ci dice se è attivo, mentre sul sinistro è presente quella per la regolazione del volume e il tasto per silenziare il microfono.

Il microfono è unidirezionale, integra una tecnologia di cancellazione del rumore e può essere staccato dall’headset. Ha un’impedenza di 2kOhm, una risposta da 100Hz a 10kHz e una sensibilità di -40dB. In confezione Corsair inserisce anche un cappuccio che fa da pop filter.

Queste Corsair HS60 Haptic godono della certificazione Discord, risultando ottime per i videogiocatori che usano la piattaforma. Gli utenti più esigenti possono personalizzare l’audio tramite l’equalizzatore del software Corsair iCUE, inoltre le cuffie sono compatibili con il sistema di audio a 360 gradi Windows Sonic.

Design e qualità costruttiva

Il design delle HS60 Haptic è indubbiamente particolare. Anziché il classico “total black” visto su altri modelli, qui i padiglioni sono decorati con un motivo mimetico bianco e grigio, mentre la parte esterna è dominata da una griglia nera che richiama quella delle cuffie open back. La parte superiore dell’arco è nero opaco, mentre l’imbottitura interna (così come quella dei padiglioni) è nera con dettagli bianchi, così da richiamare i colori visti sui padiglioni.

L’headset misura 161 x 99 x 207 mm ed è costruito con materiali di ottima qualità. L’anima dell’arco e le griglie esterne sono in metallo, mentre l’imbottitura dei padiglioni è in memory foam, così da assicurare il massimo comfort. La parte superiore dell’arco è in plastica, ma risulta comunque molto resistente.

I materiali usati e il sistema di feedback aptico portano le Corsair HS60 Haptic a pesare ben 402 grammi: è probabilmente uno dei più pesanti che abbiamo mai provato, fattore che inevitabilmente si ripercuote negativamente su chi soffre di più la pressione che l’arco esercita sulla testa.

Esperienza d’uso

Corsair afferma che il sistema di feedback aptico delle HS60 Haptic è 10 volte più potente di quello delle Razer Nari nello spettro dai 15Hz ai 170Hz, inoltre permette di migliorare i tempi di reazione del 20%. Non abbiamo potuto fare un confronto diretto tra i due headset, quindi ci limiteremo a raccontarvi la nostra esperienza con questa cuffia.

Iniziamo subito parlando del sistema di feedback aptico, senza dubbio la caratteristica più interessante dell’headset. Durante le nostre prove siamo rimasti stupiti da quanto l’esperienza di gioco cambi, diventando decisamente più coinvolgente e permettendo anche di capire meglio da quale direzione arrivano i nemici. Per darvi un’idea del feeling che si ha usando il sistema Taction, è un po’ come quando al cinema sentiamo vibrare il torace durante alcune scene.

Al di fuori dei giochi, le HS60 Haptic se la cavano anche nell’ascolto musicale. I bassi rimangono decisamente importanti ed enfatizzati anche disattivano il feedback aptico, con medi e alti nella media. Si tratta comunque di un headset pensato principalmente per giocare, quindi il risultato è più che sufficiente e adeguato per ascoltare musica mentre si studia o per seguire uno streaming.

Molto buono il microfono, che si collega facilmente e ha la giusta lunghezza per essere posizionato davanti alla bocca. I nostri interlocutori ci hanno sempre sentito in maniera limpida e chiara, sia su Discord che su altre piattaforme, merito anche del pop filter inserito da Corsair nella confezione di vendita.

Conclusioni

Le Corsair HS60 Haptic sono indubbiamente un headset atipico, che si differenzia dalla maggior parte di quelli presenti sul mercato grazie al sistema di feedback aptico sviluppato da Taction. Si tratta di un’aggiunta interessante, ancora poco diffusa tra le cuffie da gaming che conosciamo, che punta a migliorare in maniera importante l’immersività.

Funziona? Secondo noi sì. Il feeling che da il sistema di vibrazione è unico e impossibile da riprodurre con delle cuffie classiche, in più riesce effettivamente ad aumentare di molto il coinvolgimento durante le sessioni di gioco.

Ovviamente questo non è l’unico aspetto positivo delle Corsair HS60 Haptic: i materiali sono ottimi, il microfono è di alta qualità e le cuffie offrono una buona resa sonora anche al di fuori dei giochi, a patto che si spenga il sistema di vibrazione. Il peso è il vero punto debole di questo headset: se come me siete sensibili e normalmente faticate a tenere le cuffie per più di un’ora a causa della pressione che esercitano sulla testa, vi ritroverete a riposizionare le Corsair HS60 Haptic ogni 30, 40 minuti al massimo.

Le Corsair HS60 Haptic sono disponibili al prezzo di 129,99 euro tasse incluse. Su questa fascia è possibile trovare già buona parte delle cuffie di fascia alta, come le Logitech G Pro X (disponibili a 109 euro) o le Corsair Void Elite (anche loro disponibili a circa 109 euro), ma sono tutti modelli senza un sistema di feedback aptico. Per avere questa tecnologia dobbiamo dirigerci sulle Razer Nari Ultimate, cuffie gaming dotate di connettività wireless ma con un prezzo decisamente superiore, pari a 200 euro.

In conclusione, se cercate delle cuffie gaming di livello medio-alto e volete sperimentare com’è giocare con un feedback aptico, le Corsair HS60 Haptic sono la vostra scelta migliore. Se invece il sistema di vibrazione non vi interessa e cercate semplicemente un nuovo headset, il nostro consiglio è quello di risparmiare qualche euro e dirigersi su uno dei modelli citati prima.

Corsair HS60 Haptic

Le Corsair HS60 Haptic sono un paio di cuffie gaming con certificazione Discord, dotate di microfono removibile e di un particolare sistema di vibrazione che si attiva con la riproduzione delle basse frequenze, migliorando l’immersività nelle sessioni di gioco. Sono dotate di connessione USB e sono compatibili con il software iCUE e il sistema di audio surround Windows Sonic.


Verdetto

Le Corsair HS60 Haptic sono ottime cuffie gaming per chi cerca un'esperienza audio ancora più coinvolgente, grazie al sistema di feedback aptico. La resa sonora è nella media al di fuori dei giochi, Il microfono è di alta qualità e permette di farsi sentire sempre in maniera chiara. La qualità costruttiva è di buon livello, ma l'uso del metallo e la presenza del sistema di vibrazione aumentano il peso e di conseguenza la pressione dell'headset sulla testa, fattore che potrebbe essere un problema per alcuni.

Pro

- Feedback aptico;
- Microfono;
- Materiali.

Contro

- Peso;
- connettività solo USB.