CPU

Cray, Sun, IBM supportano AMD Torrenza

AMD ha annunciato che la sua iniziativa Torrenza sarà la forza trainante di una nuova collaborazione che ha come obiettivo di promuovere la futura compatibilità a livello di socket dei processori nel segmento server.

Grazie alle funzionalità della tecnologia AMD64,  con architettura Direct Connect e la tecnologia HyperTransport, gli OEM potranno integrare come soluzione standard il Socket Torrenza su molte delle piattaforme server attualmente disponibili e su quelle future. Questo approccio nel mondo server consentirà agli OEM di consolidare le offerte di server per più processori su un'unica piattaforma, facilitando l’integrazione nei  data center e riducendo al contempo i costi di implementazione per i clienti. L’ iniziativa Torrenza posiziona la tecnologia AMD64 come piattaforma innovativa aperta.   

I principali player in ambito server che sviluppano chip e che prevedono di progettare soluzioni nell'ambito dell'iniziativa Torrenza, come ad esempio Cray, Fujitsu Siemens Computers, HP, IBM, Dell e Sun Microsystems, riconoscono in Torrenza una valida iniziativa di innovazione aperta e valuteranno anche l’iniziativa Torrenza Socket

"Questa nuova fase dell'iniziativa Torrenza non sarebbe stata possibile senza il positivo supporto e la determinazione dei nostri partner, decisi a proseguire sulla strada dell'innovazione aperta e di una maggiore collaborazione a beneficio dell'intero ecosistema informatico", ha dichiarato Marty Seyer, Senior Vice President Commercial Segment di AMD.

"Insieme ci siamo resi conto che l'impatto di Torrenza può coinvolgere l'intero settore, riducendo la complessità per i clienti e accelerando l'innovazione hardware e di piattaforme. Gli amministratori di data center coglieranno subito l'importanza dell'ambiente aperto Torrenza e i vantaggi della collaborazione avanzata a livello di piattaforma, offrendo nuovi livelli di stabilità, aggiornamento, flessibilità e capacità per infrastruttura server"

Articoli correlati:

AMD Torrenza, tornano i co-processori