Tom's Hardware Italia
Monitor

Da Hong Kong un LCD rivoluzionario che consuma e costa meno

Ricercatori della HKUST (Hong Kong University of Science and Technology) hanno annunciato di aver realizzato un nuovo tipo di LCD in grado di consumare 5 volte meno e offrire una risoluzione 3 volte superiore a quella dei pannelli LCD attuali, abbattendo al contempo i costi di produzione. Insomma, se i dati dovessero essere confermati sarebbe […]

Ricercatori della HKUST (Hong Kong University of Science and Technology) hanno annunciato di aver realizzato un nuovo tipo di LCD in grado di consumare 5 volte meno e offrire una risoluzione 3 volte superiore a quella dei pannelli LCD attuali, abbattendo al contempo i costi di produzione. Insomma, se i dati dovessero essere confermati sarebbe l'uovo di Colombo.

Il pannello è basato su una nuova versione della ben nota tecnologia chiamata FLCD o Active Matrix Ferroelectric LCD, già utilizzata sin dal 1992 per la realizzazione di schermi LCD, ad esempio per quelli dei notebook, in cui l'autonomia è fondamentale.

comparison 2

A differenza dei comuni LCD gli FLCD utilizzano cristalli liquidi trasparenti che diventano opachi al passaggio della corrente elettrica, reagendo però molto più velocemente rispetto ai cristalli liquidi normali. Inoltre, i cristalli FLCD possono restare opachi senza necessitare il passaggio continuo della corrente elettrica, e sono proprio queste le due caratteristiche principali che li rendono particolarmente efficienti in quanto a consumi.

In questo caso l'efficienza energetica ancora più elevata proviene quasi interamente dall'eliminazione completa dei filtri colore tradizionali che servono a produrre la matrice dei pannelli LCD a colori e che sono responsabili del blocco di circa il 70% della luce generata dalla retroilluminazione, I ricercatori hanno utilizzato invece una tecnologia colore a campo-sequenziale, basata su cristalli liquidi ferroelettrici ad alta velocità.

In pratica, anziché visualizzare contemporaneamente tutti i colori, come avviene in un tradizionale display LCD, nel nuovo FLCD vengono riprodotte una serie di immagini monocolore, in una sequenza così rapida che l'occhio umano percepisce un'immagine a colori. L'eliminazione della maschera colore ha poi altre due ricadute positive: abbatte i costi di circa il 30% e consente di triplicare la risoluzione in quanto i pannelli possono fare a meno dei subpixel a colore singolo.

6D1A2267

‎"Gli FLCD hanno consumo di energia relativamente basso, quindi sono molto adatti ai dispositivi elettronici portatili come smartphone, tablet e laptop, consentendo un'autonomia molto maggiore rispetto ad oggi" ha spiegato la Prof. ssa Kwok,a capo del team di ricerca. Tuttavia, nonostante la collaborazione con AU Optronics, al momento non c'è alcuna finestra temporale precisa per la commercializzazione di questo nuovo tipo di pannelli.


Tom's Consiglia

Una buona alternativa alle TV LCD sono quelle con pannello OLED, come ad esempio la LG 55EG9A7V.