Tom's Hardware Italia
Software

Dash

Pagina 9: Dash
Recensione - Test di Ubuntu 11.04 e della nuova interfaccia Unity.

Dash

Dash è una contrazione di dashboard, e rappresenta il Menù Avvio in Ubuntu 11.04. Cliccando sul logo Ubuntu in alto a sinistra si attiva la Dash, ma invece di un classico menù a tendina o pop-up avrete una sovrapposizione di grafiche (overlay). Quando la Dash viene attivata il Launcher si blocca e diventa scuro, e la maggior parte dello schermo viene occupata da una dashboard traslucida.

La Dash si può espandere in modo che occupi l’intero schermo cliccando sulla freccia in basso a destra. Su un netbook – e presumibilmente su un tablet – invece si apre subito alle dimensioni massime.

La prima e più evidente voce della Dash è una barra di ricerca contestuale, che si può usare per cercare applicazioni, file e cartelle. Potete inserire intere frasi o singole parole, ma la ricerca comincia dalla prima lettera e i risultati sono visibili in tempo reale. La ricerca conta su Zeitgeist, che cataloga i contenuti con una metodologia semantica, basandosi sulla frequenza con la quale vi si accede.

A differenza del menù Avvio di Windows, al menù Applicazioni/Luoghi/Sistema o a Kicker di KDE, la Dash non offre immediatamente una lista organizzata di tutte le applicazioni. La schermata principale invece contiene collegamenti alle applicazioni Multimediali, Internet, Tutte e Trova File. Cliccando su uno qualsiasi di questi si arriva a una schermata suddivisa in tre pannelli, da usare per raffinare la propria scelta. Per Multimedia, Internet e Tutte le sezioni disponibili sono “Usate di Frequente”, “Installate” e “Disponibili per il download”. Se possibile, sono visibili anche altre opzioni.

La sezione “Usate di Frequente” si spiega da sé. Anche qui è disponibile una casella di ricerca che sfrutta Zeitgeist. Le applicazioni installate sono mostrate in ordine alfabetico, mentre quelle disponibili per il download sono visualizzate tramite una piena integrazione della Dash con l’Ubuntu Software Center, a cui si accede cliccando sull’icona dell’applicazione che si  vuole scaricare.

La scorciatoia per trovare file offre le sezioni “Recenti”, “Download” e “Cartelle favorite”. Da qui si può accedere agli ultimi file usati, ai contenuti scaricati e alle cartelle segnate come preferite con Nautilus.

Tornando alla schermata principale della Dash troviamo dei collegamenti per lanciare velocemente alcune applicazioni predefinite, come browser, gestore d’immagini, client di posta elettronica e gestore audio. Chi vuole può modificare le applicazioni predefinite dal Centro di Controllo, di cui parleremo più avanti.

In alternativa si possono vedere questi elementi in una lista più tradizionale, grazie a un’opzione disponibile a destra della casella di ricerca.