Storage

DC S3700 è un SSD fino a 800 GB con controller Intel

Intel DC S3700 è una nuova serie di SSD (100, 200, 400 e 800 GB) realizzata da Intel, indirizzata a datacenter e applicazioni high-performance computing (HPC) o di cloud computing. Un prodotto che potrebbe interessarci poco a prima vista, se non fosse che usa un controller realizzato dalla stessa Intel.

È dai tempi dell'X25-M, un SSD che ha avuto un grande successo, che la casa di Santa Clara non progetta più controller per unità allo stato solido. Come abbiamo visto recensendo il nuovissimo SSD 335 da 240 GB, Intel da tempo adotta controller di terze parti in ambito consumer e questo è un peccato perché riduce la scelta sul mercato, limitata a una marea di SSD "simili".

Samsung realizza soluzioni con controller proprietario, mentre OCZ non lo fa ancora ma l'acquisizione di Indilinx potrebbe portarla su quella strada. Il resto è dominato dai controller SandForce e in misura minore da Marvell. È quindi una buona notizia sapere che Intel è ancora impegnata in questo ambito, sperando che in futuro ritorni a impegnarsi anche in ambito consumer.

Il nuovo controller all'interno degli SSD DC S3700 ha otto canali NAND, come molte altre soluzioni, che possono gestire fino a otto die NAND, per un totale di 64 die NAND. Il controller è compatibile con l'interfaccia SATA 6 Gbps e a bordo dell'SSD troviamo 1GB di ECC DRAM, che serve per le operazioni di gestione (tabelle, indirizzamenti, etc.).

Il DC S3700 integra anche una caratteristica chiamata "power-loss protection", che come fa capire il nome protegge i dati dall'assenza improvvisa di energia elettrica. In pratica sul PCB dell'SSD troviamo diversi condensatori che grazie alla loro carica permettono di scrivere dati al volo sulla memoria NAND in casi critici. Un controllo integrato nel disco "sonda" questi condensatori all'avvio dell'attività e durante il funzionamento.

Nel caso vi siano problemi, il disco li notifica all'host e disabilita il suo buffer di scrittura per impedire potenziali perdite di dati. Intel ha inoltre integrato la protezione end-to-end per i dati e c'è un controllo CRC alle scritture in entrata. Si tratta di un valore che affianca i dati nella NAND e che viene controllato quando il dato è letto. Tutta la memoria del DC S3700 ha l'ECC e il controller supporta anche la "LBA tag validation". Presente la codifica AES a 256 bit.

Capacità Max. Sequenziali (MB/s) Max Casuali 4KB (IOPS)
Lettura Scrittura Lettura Scrittura
100GB 500 200 75.000 19.000
200GB 500 365 75.000 32.000
400GB 500 460 75.000 36.000
800GB 500 460 75.000 36.000

Secondo Intel la memoria NAND Flash MLC HET (High Endurance Technology) a 25 nm e il firmware ad hoc consentono dieci scritture casuali totali al giorno dell'SSD per la durata di cinque anni, periodo che rappresenta anche la garanzia del prodotto. Per quanto riguarda le prestazioni, nella tabella qui sopra trovate i valori dichiarati da Intel, a cui si aggiungono latenze di scrittura e lettura medie di 50 e 65 microsecondi.

Per quanto riguarda il prezzo, il modello da 100 GB costa 235 dollari, quello da 200 GB circa 470 dollari, per la soluzione da 400 GB servono 940 dollari e il prezzo raddoppia per quella da 800GB (1880 dollari). Ci sono anche un paio di versioni da 1,8" per server blade e micro, rispettivamente da 200 e 400GB che costano 495 e 965 dollari. I primi sample del DC S3700 sono già pronti, ma la produzione in volumi è attesa per il primo trimestre del prossimo anno.