Tom's Hardware Italia
Periferiche di Rete

Eaton, nuova gamma di gruppi di continuità 91PS e 9SX

C'è una novità nel mondo dei gruppi di continuità (UPS) per sale server, piccoli datacenter e applicazioni IT critiche: Eaton ha presentato 91PS, un UPS monofase con una potenza nominale compresa tra 8 a 30 kW, che si aggiunge al 93PS trifase disponibile con una potenza compresa tra 8 a 40 kW. Eaton 91PS e […]

C'è una novità nel mondo dei gruppi di continuità (UPS) per sale server, piccoli datacenter e applicazioni IT critiche: Eaton ha presentato 91PS, un UPS monofase con una potenza nominale compresa tra 8 a 30 kW, che si aggiunge al 93PS trifase disponibile con una potenza compresa tra 8 a 40 kW.

Eaton 91PS e 93PS garantiscono livelli di efficienza superiori al 96% in modalità di doppia conversione, in grado di generare un risparmio di oltre 1000 euro all'anno rispetto a un modello paritetico da 30 kW ma con un'efficienza del 94%. "Con un fattore di potenza unitario (p.f. 1), i modelli 91PS e 93PS forniscono il 25% in più di potenza attiva rispetto agli UPS equivalenti, migliorandone l'efficienza energetica", afferma Eaton.

Alla base di questi UPS ci sono due tecnologie chiave di Eaton per raggiungere efficienze ancora più elevate: Energy Saver System (ESS) permette agli UPS Eaton 91PS e 93PS di raggiungere un grado di efficienza pari al 99% con risparmi a livello annuale fino al doppio, mentre Variable Module Management System (VMMS) aiuta a raggiungere un grado di efficienza elevato anche con un carico basso, una caratteristica tipica dei sistemi UPS modulari ridondanti.

Eaton 91PS 93PS complete family right low

Le gamme 91PS e 93PS comprendono diverse funzioni progettate per fornire la massima disponibilità possibile nelle infrastrutture critiche. Tra queste Hot Sync, la tecnologia Eaton brevettata per la condivisione del carico tra gli UPS, in grado di eliminare il singolo punto di guasto in un sistema UPS funzionante in parallelo (N+1).

C'è poi la gestione avanzata della batteria (ABM), che consente una ricarica intelligente e prolunga la durata delle batterie, i moduli di alimentazione hot-swap e hot-scalable, che possono essere sostituiti o aggiunti mentre altri moduli continuano a proteggere il carico, la ridondanza intrinseca che può essere ottenuta con una sola unità, evitando il funzionamento in parallelo di due unità esterne e infine il software Intelligent Power Management (IPM), usato per il monitoraggio e la gestione di UPS come parte integrante dell'infrastruttura IT e di alimentazione.

Eaton ha annunciato anche la gamma di bassa potenza con i gruppi di continuità 9SX (UPS). L'UPS 9SX si propone a infrastrutture IT e data center di piccole dimensioni, oltre che per dispositivi di rete, lo storage, le applicazioni industriali, mediche e telecomunicazioni.

I nuovi UPS ampliano l'attuale portfolio 9SX da 5 – 11 kVA con modelli dotati di una maggiore gamma di potenza compresa tra 700 VA e 6 kVA disponibili in formato sia tower che rack.

La gamma 9SX integra le funzioni già presenti nella famiglia 9130 di Eaton aggiungendo nuove funzionalità tra cui: misurazione dell'energia e registrazione del consumo energetico tramite il monitoraggio dei valori kWh a livello di UPS; display LCD migliorato con ancora più parametri per offrire una panoramica precisa e concisa degli aggiornamenti di stato dell'UPS; visualizzazione delle date raccomandate per la sostituzione delle batterie; riconoscimento automatico dei moduli esterni di estensione batteria (EBM).

Il 9SX ha un fattore di potenza di 0,9, in grado di fornire quindi maggiore potenza attiva (watt) per assicurare una maggiore protezione dei carichi. È stato inoltre progettato per essere ancora più affidabile, grazie ad una topologia robusta attraverso l'utilizzo della tecnologia a doppia conversione per monitorare costantemente le condizioni dell'energia (tensione e frequenza) e poter passare istantaneamente su bypass in caso di sovraccarico o guasto dell'UPS.

Usando il software per la virtualizzazione Intelligent Power Manager, il monitoraggio e la gestione di 9SX possono essere gestiti su piattaforme per la gestione della virtualizzazione quali VMware, vCenter e Microsoft HyperV. Questo permette ai professionisti IT di configurare con facilità automazioni basate su policy per gli eventi energetici, quali piani di ripristino automatici, arresti controllati, distacco del carico e integrazione dell'orchestrazione cloud.