Computer Portatili

Flop Ultrabook: costano troppo rispetto all’Air

Acer sia Asus hanno riposto molta fiducia negli ultrabook di Intel (Portégé Z830 e Aspire S3: i primi due ultrabook a confronto), ma a quanto pare i risultati per ora non sono gratificanti. Stando a quanto riportato dal Digitimes sulla base dei primi dati di vendita, Acer e Asus non venderanno più di centomila ultrabook ciascuno entro fine anno, a dispetto di un obiettivo compreso fra 200 mila e 300 mila unità. 

Asus UX31

La colpa è come sempre di Apple, o meglio del prezzo troppo conveniente del MacBook Air, che a Taiwan costa meno sia dell’S3 di Acer da 13,3 pollici (1.100 dollari) sia dello Zenbook da 11,6 pollici (1.200 dollari circa), sia di quello da 13,3 pollici (circa 1.600 dollari). I consumatori taiwanesi si aspettavano di spendere almeno cento dollari in meno rispetto alle quotazioni riportate, e proprio per questo non sono accorsi in massa a comprare i nuovi ultrasottili.

Stando alle aspettative di Intel, entro marzo-aprile 2012 gli ultrabook dovranno ricoprire il 10% del mercato globale dei notebook, mentre nel quarto trimestre del 2012, complice la disponibilità di Ivy Bridge e di Windows 8, dovrebbero salire fino al 20-30% del mercato.

###old1240###old

Asus non soffirirà di certo per la mancanza di risultati di questo settore esordiente, dato che può gongolarsi con gli interessanti numeri di vendita dei suoi tablet della famiglia Eee Pad. Sempre stando a quanto riportato dal Digitimes non avrà problemi a raggiungere il suo obiettivo di vendere 1,8 milioni di unità nel 2011, grazie al successo dell’Eee Pad Transformer prima versione, e all’esordio del Transformer Prime che dovrebbe avvenire il prossimo 9 novembre. Inoltre, nel 2012 è già in preventivo un tablet con Windows 8 non appena Microsoft toglierà i veli al suo nuovo sistema oeprativo (si parla del terzo trimestre).

Secondo quanto dichiarato dal numero uno di Asus, Jerry Shen, è stato proprio il successo dei tablet a decretare la promozione di Asus al ruolo del secondo produttore di notebook in Cina dopo Lenovo, sorpassando una Acer sempre più in crisi.

###old1210###old

I dati pubblicati di recente da IDC riportano che nel terzo trimestre le spedizioni di notebook Asus in Cina hanno superato quelle Acer e l’azienda ha raggiunto un fatturato di 3,41 milioni di dollari, con una crescita sequenziale del 42%, e un utile netto in crescita del 30%.

Per quanto riguarda le spedizioni, Asus ha consegnato 4,3 milioni di notebook nel terzo trimestre, 800.000 tablet e 1,3 milioni di Eee PC. Grazie a questi risultati, all’andamento stabile in Cina e in Europa e alla crescita nei mercati emergenti come Brasile e India, l’azienda conta di affermarsi entro fine 2012 come il terzo più grande fornitore di notebook a livello globale.