Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

GeForce GTX 1060 con memoria GDDR5X anche per MSI, ma non se ne sentiva il bisogno

Spunta un'altra GTX 1060 con memoria GDDR5X, ma appare sempre più evidente che questo modello nasca semplicemente per far fuori le scorte di GPU GP104 e memoria GDDR5X.

Nelle scorse settimane alcuni produttori di schede video hanno iniziato a inserire sui propri siti web nuovi modelli di GeForce GTX 1060 con memoria GDDR5X. In principio sembrava tutto pronto per uno scontro con la nuova Radeon RX 590 di AMD, ma sono passati diversi giorni e per ora non ci sono stati annunci né da parte di Nvidia né dai partner.

Al momento non sappiamo se ci sarà effettivamente un qualche annuncio in pompa magna, ma se non dovesse esserci, nessuno si strapperebbe le vesti. Finora abbiamo visto infatti tre modelli di GTX 1060 GDDR5X, da altrettanti produttori, e le specifiche non ci entusiasmano per niente. Se in concomitanza con le prime indiscrezioni sognavamo una GTX 1060 con memoria GDDR5X a 10 Gbps, la dura realtà è che la memoria su quelle schede è impostata a 8 Gbps, o al più a 8,8 Gbps.

La Palit GTX 1060 GamingPro OC+ ha infatti 6 GB di memoria a 8800 MHz, mentre le proposte rispettivamente di Gigabyte (GTX 1060 G1 Gaming D5X 6G, WindForce OC D5X 6G) e MSI (GTX 1060 Armor 6GD5X OC) hanno 6 GB a 8008 MHz. Stiamo parlando grossomodo delle stesse frequenze dei modelli con memoria GDDR5, se prendiamo sia i modelli originari che la versione di GTX 1060 con memoria a 9 Gbps introdotta successivamente. Per quanto riguarda la GPU invece, le frequenze non sono superiori ad alcuni modelli OC da tempo sul mercato. Di conseguenza, non c’è alcun aumento prestazionale.

Quindi a che serve principalmente la GTX 1060 GDDR5X? A far fuori un po’ di scorte di GPU e memorie. A bordo della scheda sembra esserci infatti un core grafico GP104 (lo stesso della 1080) castrato per avere gli stessi 1280 CUDA core della GTX 1060 con GPU GP106, e la memoria GDDR5X impostata quel modo è puramente di accompagnamento. Tra l’altro alcune di queste schede mostrano un PCB simile alle GTX 1080, con connettori SLI e PCIe ausiliari a 8 e 6 pin. Lo SLI però non dovrebbe funzionare, come sulle altre GTX 1060.

Bisogna inoltre aggiungere che presentare in grande stile una nuova GTX 1060 sarebbe in parte controproducente per Nvidia. Per sua stessa ammissione c’è infatti un eccesso di GTX 1060 sul mercato, un problema che l’azienda conta di risolvere in due trimestri in modo da iniziare il rinnovamento della fascia media con l’architettura Turing, partendo magari dalla RTX 2060.