Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

GeForce GTX 1660 dei partner, le schede di Asus, MSI, Gigabyte e gli altri

Carrellata delle GeForce GTX 1660 di Nvidia. La nuova scheda, presentata ieri, è stata accolta dai partner con molti modelli personalizzati e overcloccati.

Nel pomeriggio di ieri Nvidia ha introdotto ufficialmente la GeForce GTX 1660, di cui potete leggere la recensione a questo indirizzo. La scheda è molto interessante per chi desidera giocare in Full HD senza svenarsi. In assenza di una Founders Edition, sono i partner di Nvidia a dover soddisfare la domanda dei consumatori, ed eccoci alla consueta carrellata delle schede video personalizzate presentate in queste ore.

Nella totalità dei casi i produttori hanno semplicemente adottato i sistemi di raffreddamento usati per la GTX 1660 Ti, quindi non aspettatevi novità. I design già noti sono comunque più che validi per dissipare il calore prodotto dalla GPU TU116-300. Partiamo da Asus. L’azienda taiwanese ha svelato due soluzioni, Phoenix e TUF.

La Phoenix GTX 1660 OC Edition ha un sistema di raffreddamento a singola ventola e frequenze che vanno da 1530 / 1800 MHz in Gaming Mode a 1560 / 1830 MHz in OC Mode. La TUF Gaming GTX 1660 OC arriva fino a 1815 MHz in Gaming Mode e a 1845 MHz in Gaming Mode.

MSI ha presentato tre modelli, GTX 1660 Ventus XS 6G OC, GTX 1660 Armor 6G OC e GTX 1660 Gaming X 6G. La Ventus arriva a 1830 MHz in GPU Boost, la Armor tocca con l’OC di fabbrica 1845 MHz e la Gaming X raggiunge 1860 MHz. Tutte e tre le schede hanno dissipatori a doppia ventola, ma la Gaming X gode di componenti migliori e ventole TorX 3.0.

Trio di schede per Gigabyte: GTX 1660 OC 6G, GTX 1660 Gaming 6G, GTX 1660 Gaming OC 6G. La prima ha un dissipatore a due ventole, mentre le altre due contano su tre ventole. L’OC di fabbrica arriva a 1830 MHz sulla GTX 1660 OC 6G, mentre la GTX 1660 Gaming 6G ha invece una frequenza di riferimento. Il modello OC lavora a 1860 MHz.

Zotac propone due schede GTX 1660, una Gaming e una Gaming AMP. Per entrambe abbiamo un dissipatore a doppia ventola. La prima soluzione ha frequenze di riferimento, mentre la AMP vede il core spingersi fino a 1845 MHz.

EVGA ha presentato la GTX 1660 XC Black Gaming, la GTX 1660 XC Gaming e la GTX 1660 XC Ultra Gaming. Le prime due sono schede a singola ventola, rispettivamente con GPU a frequenze base e overclock fino a 1830 MHz. La XC Ultra invece è impostata per arrivare a 1845 MHz.

Palit ha presentato quattro schede, ma in realtà sono due: c’è una StormX e una StormX OC e una Dual affiancata da una Dual OC. Le StormX hanno un dissipatore a singola ventola, mentre le Dual una in più. La StormX OC e la Dual OC lavorano fino a 1830 MHz, mentre le altre due versioni lavora a clock base. Da notare che queste schede hanno anche una porta Dual-Link DVI-D.

Inno3D ha portato sul mercato una sola scheda, la GTX 1660 Twin X2, con due ventole e frequenze di clock di riferimento. Gainward ha presentato quattro schede “spalmate” su due modelli, Pegasus e Ghost. La Ghost ha due ventole e nel modello OC lavora fino a 1830 MHz. La Pegasus ha un dissipatore a singola ventola e la variante OC funziona sempre fino a 1830 MHz in GPU Boost.

Per concludere Galax ha presentato un modello con dissipatore blower chiamato semplicemente Galax GeForce GTX 1660, insieme a quattro altre schede. La GTX 1660 EX (1-Click OC) ha un dissipatore a doppia ventola e lavora fino a 1830 MHz (1845 MHz installando Xtreme Tuner Plus e usando 1-Click OC). Per chi non ama il nero, c’è anche una variante White.

La Galax GTX 1660 (1-Click OC) ha sempre un dissipatore a doppia ventola, ma funziona a 1800 MHz, 15 MHz della frequenza GPU Boost di riferimento. La frequenza sale a 1815 MHz installando Xtreme Tuner Plus e usando 1-Click OC. Infine ecco la Galax GTX 1660 White Mini (1-Click OC), lunga solo 17,5 cm ma con dissipatore con due ventole, che funziona a 1800 MHz. Come per la scheda precedente, la frequenza sale a 1815 MHz installando Xtreme Tuner Plus e usando 1-Click OC.