Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

Gigabyte, un nuovo BIOS per RTX 2080 e RTX 2080 Ti aumenta il power limit

Gigabyte ha messo a disposizione degli utenti nuovi BIOS che alzano il tetto del power limite sulle schede RTX 2080 e RTX 2080 Ti delle serie Gaming OC e WindForce OC.

Gigabyte ha pubblicato un BIOS aggiornato per le schede GeForce RTX 2080 Ti / 2080 Gaming OC e GeForce RTX 2080 Ti / 2080 Windforce OC che aumenta nettamente il power limit, spostando il tetto massimo da 290 a 336 watt. Il power limit di default è 260 watt, quindi è necessario usare il software Aorus Engine di Gigabyte per spostarlo fino a 336 watt. I nuovi BIOS sono stati pubblicati in seguito alle lamentele di alcuni appassionati, che sul forum statunitense di Gigabyte discutevano di come le schede raggiungessero rapidamente il limite.

“Posso aumentarlo fino al 109 percento, ma ho visto recensioni di schede Founders Edition che possono essere impostate al 124-130 percento: mi sembra un po’ basso per una scheda con un dissipatore a tripla ventola”, ha scritto un utente. “Le mie temperature sono inferiori ai 60 gradi (intorno ai 50-52 gradi) ma la schede viene limitata dal suo power target”.

Il power limit più esteso aiuta la scheda a sostenere al meglio frequenze elevate in GPU Boost, quindi in teoria consente di raggiungere overclock maggiori. Il nuovo BIOS tuttavia non cambia il limite di temperatura, che è sempre pari a 84 °C. A quel valore la GPU inizia a ridurre le proprie frequenze operative (throttling) per abbassare la temperatura, onde evitare di raggiungere il tetto di 88 °C. Di conseguenza è necessario assicurarsi di avere un case ben areato per permettere alla scheda di beneficiare del power limit più esteso.

Prima di procedere all’eventuale flash del BIOS della Gigabyte in vostro possesso, è bene fare il backup del BIOS originale sul cloud, ad esempio Google Drive, nel caso qualcosa dovesse andare storto. Per farlo è necessario scaricare NVFlash e seguire i passaggi presenti in questo post. Nello stesso trovate anche le indicazioni per installare il nuovo firmware sulle schede.

Quanto a NVFlash ricordiamo che è disponibile anche una versione modificata che consente d’installare BIOS di schede di terze parti sulle Founders Edition (invalidando la garanzia, ovviamente). È un’operazione ovviamente a vostro rischio e pericolo, che i più temerari possono fare solo assicurandosi che vi sia una certa similarità nel PCB e componenti tra le schede dei partner e quelle di Nvidia. Tom’s Hardware non si assume responsabilità nel caso di malfunzionamenti alla vostra scheda.

Tra le RTX 2080 meno costose su Amazon c’è proprio la Gaming OC di Gigabyte.