Tom's Hardware Italia
Software

Google Chrome 21 dà occhi e orecchie alle applicazioni Web

Chrome 21 include l'API getUserMedia che permette alle applicazioni Web di usare webcam e microfono, così da vedervi e ascoltare vostri comandi. Arriva anche la compatibilità con lo schermo Retina del nuovo MacBook Pro e migliora quella con i gamepad.

Chrome 21 può vedere e sentire. La nuova versione – 21.0.1180.60 su Windows e 21.0.1180.57 per Mac e Linux – del browser di Google integra infatti la nuova API "getUserMedia", per l'accesso a webcam e microfono da parte delle applicazioni web, a cui si accede dal browser stesso, senza l'uso di plug-in. Il tutto ovviamente con la vostra autorizzazione.

"È il primo passo in WebRTC, un nuovo standard di comunicazione in tempo reale pensato per la comunicazione audio e video in alta qualità sul web", si legge sul blog ufficiale del team di Chrome.

Il vostro volto disegnato sulla sabbia

Chi volesse provare le potenzialità di questa nuova API non dove far altro che installare Chrome 21, entrare nel Chrome Web Lab e provare Sketchbots, che attraverso la webcam vede il vostro volto, lo disegna e lo invia a un robot al Science Museum di Londra, che a sua volta lo riproduce sulla sabbia (potete vedere il tutto live su YouTube). E questo è solo un esempio delle potenzialità offerte da questa integrazione.

Chrome 21 include inoltre una maggiore integrazione con Google Cloud Print, migliore compatibilità con i gamepad e con lo schermo Retina del nuovo MacBook Pro da 15 pollici, a cui sicuramente seguiranno altri modelli (si parla di una versione da 13 pollici).

Per quanto riguarda la sicurezza, un aspetto che non deve passare in secondo piano, Google segnala la chiusura di quindici vulnerabilità, una delle quali relativa solo alla versione per Linux e sei di livello alto. Questa volta la casa di Mountain View ha distribuito solo 2000 dollari ai ricercatori che l'hanno aiutata a scovare e chiudere questi bug.

Chrome pronto per gli schermi Retina

Come puro dato di contorno segnaliamo che Chrome ha vinto il nostro ultimo scontro tra browser e che è il software per la navigazione web più usato dai lettori di Tom's Hardware. Nel mese di luglio che si è appena concluso ci avete visitato principalmente con il browser di Google (38%), a cui ha seguito Firefox (28,31%), IE (16,56%), Safari (9,67% – dato in cui rientra anche la versione per iOS), il browser di default di Android (3,15%) e Opera (2,56%).