Tom's Hardware Italia
Hardware

HeroCore, un Arduino Mega più accessibile da un progetto Kickstarter italiano!

Un'azienda italiana, Hero Mechatronics, ci ha presentato un nuovo progetto Kickstarter molto interessante, HeroCore, un microcontrollore che potrebbe sostituire l'Arduino Mega.

Quando un’azienda italiana propone su Kickstarter un’idea interessante siamo sempre contenti di parlarne. È il caso di Hero Mechatronics e del suo simil Arduino Mega, HeroCore, ma andiamo per ordine. Conoscerete tutti il celebre Arduino Mega, un microcontrollore usato in tantissimi campi, anche quelli scolastici, famoso per la sua potenza e versatilità, ma anche abbastanza ingombrante a causa del suo numero di porte digitali presenti e delle tre interfacce seriali.

Per questo motivo Hero Mechatronics ha pensato: perché non lavorare a un dispositivo come Arduino Mega, ma più piccolo e accessibile? Nasce così l’idea di HeroCore, un dispositivo basato su ATMega2560 fornito con lo stesso bootloader di Mega, stk500v2. La piccola scheda viene addirittura riconosciuta dall’IDE ufficiale come un Arduino Mega 2560, di conseguenza è garantita la massima compatibilità software!

Le differenze di dimensioni tra HeroCore - sinistra - e Arduino Mega - destra -

L’azienda italiana ha lavorato molto per ridurre le dimensioni della board, modificando anche l’ordine dei pin disposti, il tutto grazie a un incredibile lavoro di progettazione. Il piccolissimo MCU simmetrico include non solo tutto l’hardware di Arduino Mega, ma molto di più, come 16 LED on-board – utilissimi per tantissime applicazioni, come visualizzare dati numerici o valori su scala. Oppure 8 piccoli interruttori posti sul retro della board, utili per applicazioni dedicate all’attivazione e disattivazione di determinate funzioni, il tutto senza nemmeno riprogrammare HeroCore.

La PCB è ancora a due strati e tra i vari pin della schedina è possibile trovare una connessione a 8 pin per ESP, 4 porte per servomotori, pin analogici con partitore integrato per leggere sensori fino a 24V, una seriale a 3.3V invece che a 5V. Questo ha comportato, per problemi di spazio, la rimozione del chip USB – sostituito da una porta UART con tanto di adattatore FTDI fornito nel kit – e di un regolatore di tensione, modificando così l’alimentazione a 5V.

Il progetto, tutto italiano ripetiamo, è attualmente in crowdfunding su Kickstarter.com e promette shield compatibili per diverse espansioni. Se doveste essere interessati, qui potete sostenerne lo sviluppo: HeroCore su Kickstarter.