Computer Portatili

HP racconta come ha realizzato il design dei suoi Notebook e AiO

Durante l'evento che HP ha tenuto a Città del Messico, dove ha presentato i nuovi notebook e PC Desktop e All-in-One, ci sono state raccontate le idee e i processi seguiti per la creazione degli attuali design.

Si parte da un vecchio concetto di notebook business, pensato come una "mattonella", brutta e pesante, il cui unico obiettivo era essere affidabile. Ci si è ormai allontanati da questo concetto, per avvicinarsi a design più moderni ed eleganti. Tuttavia quando si parla di un prodotto per il business, la sicurezza e l'affidabilità, tra cui anche la robustezza, non sono fattori che possono passare in secondo piano. Ciò nonostante a volte il design prende il sopravvento su queste caratteristiche, e HP lo sa bene.

1

I trend moderni influenzano molto il design, e in maniera veloce, per cui è necessario essere in grado di reagire e incontrare le necessità del pubblico. HP ha sviluppato il suo design attuale su tre elementi:

  • Una cover del display simmetrica e pulita
  • Un profilo più aggressivo
  • Dei bordi più affusolati

Attorno a questi elementi, alla necessità di un prodotto bello da vedere ma anche leggero per un uso nomadico, sono nati gli EliteBook di quest'anno. Il design così concepito deve essere identico e proporzionato, indifferentemente dalla dimensione degli schermi.

La scocca è fatta in magnesio, materiale scelto per il suo mix di robustezza e leggerezza (infatti gli EliteBook appena presentati sono molto leggeri). La scelta di questo materiale ha anche permesso di realizzare un design pulito, senza interruzioni, come a volte accade per l'implementazione delle antenne necessarie alla connettività.

3

Particolare attenzione anche alla copertura delle superfici, che HP chiama "Asteroid Silver", in grado di comunicare un buon feeling al tatto (è una superficie semi ruvida). Questa copertura viene realizzata disponendo quattro strati, uno anti-corrosivo, un prime, una base e un ultimo strato superficiale.

Design significa anche usabilità nel caso dei dispositivi di I/O, come tastiera e touchpad. La tastiera è posizionata su una base in alluminio, che integra anche gli altoparlanti. HP la chiama "Premium Keyboard", e una delle caratteristiche principali è l'essere in grado di offrire lo stesso feeling d'uso per tutti i tasti; mentre il touchpad deve essere ampio, con superficie in vetro, e poco distante dalla tastiera, così da essere velocemente raggiungibile quando si sta digitando.

Sono state date alcune informazioni anche per quanto riguarda gli AiO, il cui design è stato rivisto per essere sottile, flessibile, e con una gestione dei cavi intelligente. Lo scopo principale non era solo creare un dispositivo bello da vedere, da tutte le angolazioni, ma anche in grado di occupare poco spazio sulle scrivanie. Incanalare i cavi nella parte posteriore, quasi nascondendoli, serve per rendere gli spazi di lavoro ordinati, e anche la base di ricarica wireless ha questo scopo, eliminando il caricabatterie dello smartphone.