Periferiche di Rete

HSPA+ da 42 Mbps a Milano, ma a Pechino va a 336

Nokia Siemens Networks in queste ore sta mostrando al PT Expo Comm di Pechino la sua nuova piattaforma HSPA+ da 336 Mbps. Si tratta di un salto prestazionale enorme se si considera che Wind ha completato recentemente a Milano i primi test dell’HSPA+ da 42 Mbps

“La dimostrazione combina 8 portanti HSPA (multi-carrier), ognuna da 42 Mbps con MIMO (Multiple-input and multiple-output) e modulazione 64 QAM (quadrature amplitude modulation”, si legge nel comunicato ufficiale di presentazione. “Questa configurazione può essere adottata da una o più bande di frequenze multiple (multiband) simultaneamente per una connessione dati da più di 300 Mbps”.

Basta un modulo HSPA+ per mettere il turbo

In pratica la soluzione svelata in Cina è l’evoluzione di quella implementata a Milano, che già promette migliori performance, riduzione dei consumi energetici e minore impatto ambientale. “Single RAN di Nokia Siemens Networks è basata sulle Flexi MultiRadio base stations, ad alta efficienza energetica, modulari e capaci di integrare più tecnologie nello stesso prodotto”, rivela l’operatore mobile italiano. “Nella rete Wind sono già presenti diverse Flexi Base Stations che attualmente supportano sia la tecnologia GSM sia l’High Speed Packet Access ed in futuro anche la relativa versione potenziata (HSDPA fino a 84 Mbps, HSUPA fino ad 11 Mbps), il WCDMA 900 e la Long Term Evolution (LTE) attraverso semplici upgrade di software”.

L’HSPA+ da 336 Mbps si farà ancora attendere e almeno un anno se non di più.  Nokia Siemens Networks ha confermato che “Multi-carrier e multiband HSPA” sono già stati standardizzati con specifiche 3GPP, mentre per la versione a otto portanti tutto sarà completato solo nel 2012; i primi prodotti sbarcheranno sul mercato entro la fine del prossimo anno.

Prestazioni teoriche a confronto – Clicca per ingrandire

“Per poter migliorare la qualità dei nostri servizi e velocizzare le attività per lo sviluppo e la diffusione della banda larga mobile, avevamo bisogno di partner strategici che ci assicurassero una implementazione tecnologica veloce e di alto livello”, ha commentato Ziad Shatara, responsabile tecnico di Wind. “Nokia Siemens Networks si è rivelato un partner ideale per la sua capacità d’innovazione, la vasta esperienza e la particolare attenzione all’efficienza energetica. Inoltre, le soluzioni di Nokia Siemens Networks sono già pronte per le future evoluzioni tecnologiche delle reti di accesso radio”.

A questo punto si accende la competizione fra gli standard: LTE-Advanced promette un picco di 1 Gbps via hotspot e 100 Mbps in configurazione mobile.