Schede Grafiche

Il browser che fa girare Skyrim è dietro l’angolo

Grafica 3D interattiva e spettacolare anche su Web, non solo su console e PC: è l'ambizioso obiettivo che ha portato alla collaborazione tra il German Research Center for Artificial Intelligence (DFKI) di Saarbrücken e il Fraunhofer Institute for Computer Graphics Research (Fraunhofer IGD) di Darmstadt.

I due gruppi stanno collaborando per arricchire il linguaggio HTML di poligoni, shader, ombre interattive, videocamere virtuali e altri elementi programmabili. "Si possono usare quasi esattamente come gli attuali elementi HTML.  Milioni di programmatori Web possono così iniziare subito a includere visualizzazioni 3D interattive nelle loro applicazioni Web", ha spiegato il professor Philipp Slusallek dell'Università del Saarland, direttore scientifico del DFKI e dell'Intel Visual Computing Institute (VCI).

Radeon HD 7970 Gigahertz Edition

"Identificando una piccola base di blocchi di sviluppo essenziali abbiamo reso possibile e semplice l'inclusione della nuova tecnologia nei browser, e allo stesso tempo lasciato agli sviluppatori la flessibilità nella progettazione di esperienze Web 3D del tutto dinamiche e interattive", ha aggiunto Johannes Behr, direttore del Competence Center for Visual Computing System Technologies (Fraunhofer IGD) e del gruppo di sviluppo X3DOM.

Rispetto a WebGL questo approccio non offre solo più potenza e flessibilità, ma anche facilità di sviluppo per chi già conosce il linguaggio HTML. "Invece di chiedere agli sviluppatori di diventare esperti di WebGL o d'imparare nuove API, aggiungiamo capacità grafiche avanzate all'HTML, così li mettiamo in grado di usare le loro capacità e applicarle direttamente alla tecnologia Web", ha infatti spiegato Kristian Sons, direttore del gruppo di ricerca XML3D (DFKI/VCI).

Ce ne saranno almeno due versioni. La prima ad arrivare userà JavaScript e WebGL, e il suo scopo sarà dare agli sviluppatori la possibilità di familiarizzare con le novità; successivamente invece arriverà la versione completa dei nuovi oggetti HTML, che darà ai browser piena potenza 3D.

Nvidia GeForce GTX 680

La proposta dei due istituti tedeschi sarà presentata ufficialmente alle conferenze SIGGRAPH 2012 e Web3D di Los Angeles, e la versione più dettagliata sarà sottoposta al consorzio che gestisce gli standard Web (W3C) a novembre. I tempi per l'approvazione dei nuovi standard tuttavia possono essere anche molto lunghi, quindi è del tutto possibile che per qualche anno vedremo differenze grandi o piccole tanto nei browser e nella loro capacità di gestire la grafica 3D, quanto nel modo di programmare questi elementi.

Le possibili implicazioni sono numerose, e la più ovvia riguarda i videogiochi: grazie all'uso dell'hardware disponibile e alla varietà di effetti 3D questa estensione del linguaggio HTML infatti promette di creare giochi Web con le stesse caratteristiche 3D che oggi abbiamo su console e PC. E vi aggiunge la flessibilità: un gioco Web sviluppato in questo modo potrebbe funzionare su ogni piattaforma, dallo smartphone al desktop più potente, e adattare la complessità grafica all'hardware presente, per esempio; o ancora sarebbe possibile gestire in modo più efficace il problema della pirateria, tra le altre cose.

Non si tratta però solo di giochi: se il browser Web può accedere all'hardware e gestire grafica complessa, allora è possibile sviluppare nuove interfacce per servizi e siti web, immaginare un'intera nuova generazione di contenuti. Una volta che ci sono le potenzialità, la loro applicazione dipende solo dall'immaginazione degli sviluppatori.