CPU

Il Core i5-12600K di Intel distrugge l’i5-11600K in multi-thread

Continuano ad arrivare leak inerenti alla prossima generazione di chip Intel Core, la prima, conosciuta come Alder Lake, che proporrà un’architettura ibrida x86 in ambito mainstream, con core ad alte prestazioni che affiancano core ad alta efficienza. Recentemente, come riportato dai colleghi di VideoCardz, la CPU Intel Core i5-12600K, basata sul nodo di processo denominato Intel 7, precedentemente noto come 10nm Enhanced SuperFin, e dotata di 6 core Golden Cove e 4 core Gracemont, per un totale di 10 core e 16 thread (6×2+4) è stata messa alla prova in CPU-Z, ottenendo risultati di sicuro interesse.

Photo Credit: Valid-x86
Intel Core i5-12600K VideoCardz

Ricordiamo che, stando agli ultimi rumor, i P-Core del Core i5-12600K operano a una frequenza massima di 4,9GHz con 1-2 core attivi e fino a 4,5GHz su tutti i core, mentre quelli Gracemont hanno una frequenza fino a 3,6GHz quando si usano da uno a quattro core e arrivano a 3,4GHz quanto tutti i core sono impegnati. Oltre a ciò, il Core i5-12600K è dotato di 20MB di cache L3, mentre i TDP sono di 125W (PL1) e 228W (PL2).

Il processore ha registrato da 760 a 773 punti nel test single-thread di CPU-Z e da 7.156 a 7.220 punti in quello multi-thread. I test sono stati condotti usando diversi kit di memorie DDR5 (OLOy, Corsair e TeamGroup). Come è possibile vedere anche dalla tabella sottostante, realizzata da VideoCardz, il Core i5-12600K è riuscito a superare anche processori di punta come Core i9-11900K e Ryzen 7 5800X, definendo un vero e proprio salto prestazionale rispetto a Rocket Lake, nonostante il prezzo dovrebbe rimanere più o meno lo stesso della precedente generazione.

Photo Credit: VideoCardz
Intel Core i5-12600K VideoCardz

Per il momento, non ci resta altro che attendere il reveal ufficiale da parte di Intel, che dovrebbe tenersi il prossimo 4 novembre. Nella giornata di ieri vi abbiamo parlato anche del chip Core i9-12900HK, che ha superato tutti gli altri concorrenti in ambito mobile. Per ulteriori dettagli, vi consigliamo di leggere il nostro articolo dedicato.