Monitor

Il display olografico è realtà e si può avere per 1500 dollari

Un vero 3D si può avere solo con un ologramma, ma che ne direste se uno speciale schermo abbinato a occhiali 3D passivi e ad un apposito dispositivo di input permettesse di osservare oggetti da angoli multipli e di manipolarli nello spazio? È quanto consente di fare un prodotto costruito da una finora sconosciuta azienda chiamata zSpace.

Il tutto è composto da uno schermo 3D con sensori che "leggono" la posizione della testa dell'utente grazie ad appositi marker posti sugli occhiali 3d passivi in dotazione, e modificano l'angolo di osservazione dell'oggetto di conseguenza. Non esattamente, quindi, un "vero" 3D, ma un passo avanti rispetto alla tecnologia attuale. Ma non è finita: la speciale penna fornita, dotata di accelerometri e opportuni LED a infrarossi, consente di manipolare gli oggetti a video come fossero realmente oggetti solidi.  

Dato l'argomento, si potrebbe pensare a un'idea, un progetto su carta, ma in effetti si tratta di qualcosa di molto più concreto: il display, 24 pollici con risoluzione 1080p @ 120 Hz, esiste già ed è peraltro disponibile a un prezzo non stellare (poco meno di 4000 dollari, che si riducono a 1500 dollari per i membri del programma di sviluppo). Altrettanto comuni i requisiti di sistema se si tiene conto dell'ambito di utilizzo, che è quello della progettazione 3D: un PC core i7 Quad Core, Windows 7 64 bit, 8 GB RAM e una scheda grafica nVidia Quadro o ATI Fire GL con almeno 2 GB di memoria locale.   

Il supporto già ottenuto da parte dei giganti del software di progettazione 3D Autodesk (Autocad, 3ds Max, Inventor, Maya) e Dassault Systemes (Catia, SolidWorks, Simulia) è un ottimo biglietto da visita per questa tipologia di prodotto.