Tom's Hardware Italia
Software

Il futuro di Windows 10: il primo passo si chiama Service Release 1

Microsoft è concentrata sulla risoluzione dei bug emersi durante la distribuzione di Windows 10. A breve arriverà l'ondata di fix Service Release 1.

Windows 10, fresco di debutto dopo molti mesi di test, non è più un sistema operativo ma un servizio. Microsoft l'ha detto più volte, quindi è naturale attendersi aggiornamenti più o meno costanti, di piccola o grande entità. Quali saranno i prossimi passi?

Oltre ai normali bugfix che ci attendiamo nei prossimi giorni e che in parte stanno già arrivando, Microsoft sta lavorando una più grande collezione di fix chiamata Service Release 1 (SR1). Secondo persone a conoscenza dei fatti contattate da The Verge la SR1 arriverà nei primi giorni di agosto, forse già all'inizio della prossima settimana. Non attendetevi alcuna nuova funzionalità.

windows 10

Più avanti nel corso dell'anno arriveranno altri fix e nuove caratteristiche. A ottobre, probabilmente, assisteremo al debutto di una nuova app Messaggi con l'integrazione di Skype e il supporto alle estensioni per il nuovo browser Edge. "Non c'è nessuno al lavoro su un Windows 11, bensì un gruppo di persone che sta lavorando su alcuni aggiornamenti davvero interessanti che i Windows Insiders vedranno presto", ha dichiarato Terry Myerson, capo della divisione Windows, intervistato da The Verge.

Le estensioni di Microsoft Edge saranno "javascript-based" e mimeranno il modo in cui funzionano le estensioni di Chrome, in modo che per gli sviluppatori sarà più facile eseguire il porting. Le estensioni saranno ospitate, insieme alle app, sul Windows Store. L'app Messaggi permetterà di fare chiamate audio e video senza l'app dedicata di Skype, ma anche scrivere del semplice testo.

Microsoft Windows 10 Home Edition Microsoft Windows 10 Home Edition
Microsoft Windows 10 Professional Microsoft Windows 10 Professional

Inoltre Microsoft si sta occupando di migliorare l'impatto di Windows 10 sui dispositivi a batteria. La casa di Redmond afferma che attualmente l'autonomia è simile a Windows 8.1, ma se possibile vuole fare meglio. Infine, i tecnici della casa di Redmond sta anche lavorando a un'ondata di aggiornamenti che arriverà nel corso del 2016.