Mac

iMac 2017, questione di settimane per le versioni Polaris?

La nuova linea iMac 2017 potrebbe essere presentata nelle prossime settimane, o comunque non più tardi del primo trimestre secondo più fonti autorevoli.

Apple sembra riuscire a proteggere bene le informazioni che riguardano il suo segmento computer, e infatti sul fronte del design o dell'integrazione di tecnologie innovative si sa poco.

Si presuppone che i nuovi iMac possano montare le GPU AMD Radeon basate su architettura Polaris, con probabile supporto VR. Due le ipotesi più accreditate: Polaris 10 (Ellesmere) e 11 (Baffin), le GPU che in ambito desktop conosciamo perché a bordo delle schede RX 460, 470 e 480.

imac concept
Un concept iMac che potrebbe piacere

Possibile la transizione a Intel Kaby Lake; d'altronde tra il 2013 e il 2015 si è affidata agli Haswell, mentre dal 2015 usa i Broadwell e gli Skylake. Nulla di particolarmente rivoluzionario in questi ultimi anni, ma le recenti dichiarazioni dell'AD Cook lasciano intendere che ci sarà un cambio di marcia.

"Se ci fossero dubbi, voglio essere molto chiaro: abbiamo grandi desktop nella nostra tabella di marcia. Non vi preoccupate", ha scritto Cook in una nota interna. "I desktop sono strategici per noi. Sono unici se confrontati con i portatili, perché i computer fissi hanno prestazioni maggiori come schermi più ampi, più memoria e spazio di archiviazione […] e dunque ci sono molte ragioni per cui sono molto importanti, e in alcuni casi fondamentali, per le persone".

Il processore candidato numero uno per gli iMac 2017 più potenti è ovviamente il modello Core i7-7700. E per le dimensioni? Difficile dire se le novità riguarderanno sia le versioni da 21,5 pollici che quelle da 27 pollici. Certamente il più piccolo con risoluzione 5K sarebbe un'esagerazione, quindi è probabile che mantenga quella 4K.

Il più grande difficilmente supererà la soglia del 5K, ma sarebbe una gran cosa se fosse disponibile anche in risoluzione più bassa. Sarebbe un vantaggio per il listino e anche per le esigenze della maggioranza degli utenti.