Tom's Hardware Italia
Software

Installazione e creazione di macchine virtuali

Pagina 5: Installazione e creazione di macchine virtuali
VMware Workstation 4 permette di creare con facilità nel vostro Windows o Linux un numero a piacere di “macchine virtuali” con le quali potrete sbizzarrirvi a sperimentare nuovi sistemi operativi e versioni instabili di programmi senza mettere a repentaglio il vostro prezioso sistema. Una manna per sviluppatori di software e sistemisti, un ottimo strumento per chi voglia sfruttare il meglio di più mondi o imparare un nuovo SO senza traumi.

Installazione e creazione di macchine virtuali

L’installazione è semplice e indolore sia su Windows che su Linux. Ci siamo stupiti per l’efficienza dell’installer specialmente per il sistema operativo del pinguino, che in passato ci ha abituato a configurazioni ben più toste.
Su Windows XP Pro abbiamo provato un aggiornamento dalla versione 3.2 e siamo stati in grado di avviare senza problema sistemi guest creati in precedenza.

Una volta riavviato il PC, VMware Workstation attiva alcuni servizi che servono per la creazione della rete virtuale tra sistemi Guest e Host. Potete disattivarli se non avete intenzione di “mettere in rete” le vostre macchine virtuali, risparmiando circa 5 MB di memoria.

L’interfaccia della versione 4 è più gradevole e immediata rispetto alle versioni precedenti. La procedura di creazione guidata è molto chiara, pertanto il nostro consiglio è di selezionare sempre la modalità “custom” all’inizio del processo per poter personalizzare al meglio il nascituro sistema guest.


L’interfaccia è gradevole. Con le linguette si passa da una macchina virtuale all’altra.

Il Wizard in prima battuta richiede che sistema operativo volete installare. Sebbene l’elenco sia impressionante, manca del tutto il mondo Mac.

Dopo aver scelto il nome da dare al Guest, bisogna assegnargli un quantitativo di memoria. Scegliete con saggezza perché ciò che date al Guest togliete all’Host. Un ambiente Linux con server web Apache e senza X se la cava anche con 64 MB, ma non pensate che un Windows 2003 Server si accontenti di meno di 256 MB!