Schede Grafiche

Intel Arc non combatterà il mining di criptovalute

In una recente intervista rilasciata a Gadgets 360, Raja Koduri, senior vice president di Intel, e Roger Chandler, un membro dell’Intel Graphics Product Team, hanno risposto ad alcune domande relative alle prossime GPU Arc, la cui uscita è prevista per l’inizio del 2022. Nell’intervista, Chandler ha parlato della posizione di Intel inerente al mining di criptovalute sulle sue prossime GPU, la quale sembra che stia seguendo una politica di non intervento, lasciando che il mercato e gli acquirenti decidano per cosa utilizzare la propria scheda grafica.

Credit: Intel
Intel Alchemist mascotte

Nell’intervista, Chandler ha affermato che “[…] Per quanto riguarda i blocchi del software e cose del genere, non stiamo progettando questo prodotto o creando funzionalità a questo punto che si rivolgono specificamente ai miner. Per quanto riguarda le azioni che stiamo intraprendendo per evitarli o bloccarli, è un prodotto che sarà sul mercato e le persone potranno acquistarlo. Non è una priorità per noi“. Ciò segnala una posizione simile a quella di AMD, che non ha imposto alcuna limitazione ai carichi di lavoro che gli utenti possono eseguire sulle proprie schede video. Questo è diverso dalla segmentazione artificiale che NVIDIA ha scelto di introdurre con la sua serie di GPU Cryptocurrency Mining Processor (CMP), insieme all’attivazione di una limitazione dell’hashrate imposta sui prodotti GeForce LHR (Lite Hash Rate). Entrambi gli approcci hanno i loro svantaggi, ma sembra Intel abbia deciso di non controllare il tipo di carichi di lavoro a cui gli utenti hanno accesso sulle loro GPU – che, a seconda di quanto saranno performanti ed efficienti, potrebbero stuzzicare l’interesse dei miner per le schede grafiche Alchemist non appena arriveranno sul mercato.

Parlando delle attuali condizioni del mercato e delle aspettative di offerta, Raja Koduri ha dichiarato che l’azienda non può prevedere nel dettaglio quale sarà la disponibilità effettiva delle schede Arc Alchemist sugli scaffali dei negozi: “Arriveremo come terzo player. Sarò sempre molto cauto, quando la domanda è così alta e quando il mercato è così difficile. Posso sempre usare più offerta. Quindi non dirò che ho abbastanza offerta in questo mercato ad alta domanda. Penso che tutti i miei concorrenti diranno la stessa cosa in questo momento“. Non abbiamo ancora idea di come l’ingresso di Intel nel mercato influirà sull’offerta disponibile dei tre maggiori produttori, poiché Intel ha incaricato TSMC di realizzare le sue GPU sul processo a 6 nm, combattendo alla fine per la stessa quantità complessiva di wafer sia di AMD che di NVIDIA.

Photo credit: Intel
Intel Arc Alchemist GPU

Intel ha probabilmente speso miliardi in ricerca e sviluppo per la creazione di ARC e del suo intero portafoglio di prodotti grafici ad alte prestazioni. Considerando che questo è il primo tentativo dell’azienda di penetrare in questo mercato, si sta apprestando a combattere una battaglia in salita per quanto riguarda la percezione dei consumatori, senza contare i requisiti per avere un lancio di successo.