CPU

Intel e Nvidia crescono nel mercato grafico, AMD arretra

Jon Peddie Research (JPR) ha pubblicato i dati relativi al settore dei chip grafici nel terzo trimestre. I numeri si riferiscono all'intero mercato PC e quindi comprendono sia le schede video dedicate che le soluzioni integrate nei microprocessori (APU, SoC) o nei chipset. Per questo oltre ad AMD e Nvidia nel conteggio trovate anche Intel. "Non conteggiamo i server x86, i tablet ARM o i server ARM. I dati includono invece anche i tablet x86 e i Chromebook x86".

Il terzo trimestre è stato il secondo trimestre di fila che ha fatto segnare un incremento delle consegne, con un +8,8% sull'anno passato e un +1,6% sui tre mesi precedenti. E proprio nel confronto a breve termine vediamo che la quota in termini di unità di AMD è scesa del 4,2%, mentre quella di Intel e Nvidia è salita rispettivamente del 3,5% e del 2,3%.

"Il Q3 è il trimestre in cui i rivenditori creano il magazzino per la stagione natalizia e per questo i dati sono superiori rispetto ai precedenti. Il passo in avanti rispetto agli anni prima del 2008 è piccolo, ma è positivo", scrive Jon Peddie Research, sottolineando a ogni modo come il mercato è comunque destinato a una contrazione: la stima per il 2016 è di 429 milioni di unità grafiche distribuite, mentre nel 2012 sono stati raggiunti i 479 milioni e per l'anno in corso si prevede di raggiungere i 436 milioni di chip.

D'altronde le consegne di chip nel trimestre, rispetto a quello dell'anno passato, sono scese di 8,9 milioni di unità e questo fa sì che il calo su base annua di AMD nelle consegne sia dell'8,5%, quello di Intel del 2,7% e Nvidia del 18,7%. VIA ha fatto un passo indietro dell'82,4%.

Secondo l'analista, rispetto al Q2 le consegne di APU AMD per computer desktop sono cresciute del 27,8%, mentre quelle per notebook sono calate del 21,3%. L'azienda di Sunnyvale ha patito un calo anche sul fronte delle GPU dedicate, con le consegne in ambito desktop in contrazione del 3,1% (forse in molti hanno congelato l'acquisto in attesa delle Radeon R7/R9), mentre quelle per notebook sono arretrate del 4,5%.

Il passo avanti di Intel è chiaramente figlio di un aumento della vendita di microprocessori con grafica integrata, che ormai rappresentano gran parte della gamma (il 99% dei processori "non server" secondo JPR). L'azienda ha visto crescere le consegne in ambito desktop dell'1,1%, mentre in ambito notebook il passo avanti è stato ancora maggiore: +5,1%. Insomma, vedremo un sacco di portatili con CPU Intel nei negozi durante il Natale.

Nvidia conta invece solo sulle GPU dedicate: le diverse schede video presentate nella prima parte dell'anno ha portato le vendite in ambito desktop a salire dell'8,2%, mentre in ambito mobile l'azienda ha patito un calo del 3,3%. È un ulteriore segno che almeno sul fronte dei notebook la grafica integrata nei processori è in grado di rispondere alle esigenze dei consumatori. Insomma, non butta bene per Nvidia su quel fronte, ed è impensabile che la tendenza possa invertirsi. Le GPU dedicate nei notebook diventeranno sempre più un mercato di nicchia.