Software

Intel ricattata, rubati 53GB di dati da Habana Lab

Il gruppo di criminali informatici alle spalli di molti attacchi ransomware chiamato Pay2Key sembrerebbe essere entrato in possesso di una mole considerevole di dati appartenenti ad Habana Lab, una società di progettazione di chip AI israeliana acquisita da Intel circa un anno fa.

Photo credit - depositphotos.com
hacker

Il gruppo di hacker, che secondo Check Point sono di origine iraniana, avrebbe utilizzato il proprio account Twitter per pubblicare uno screenshot del codice sorgente rubato da Habana Lab. Al momento Twitter è già entrata in azione rimuovendo l’account @pay2key per violazione delle regole del social network.

Intel Habana Lab Pay2Key

Non solo, avrebbero reso disponibile un indirizzo .onion per il browser Tor al quale è possibile trovare i nomi di file contenuti nel server Gerrit di Habana Lab, di dati del DomainController e di alcuni documenti riservati. Il file ReadMe contenuto all’indirizzo .onion conterrebbe inoltre un’avviso per Intel e Habana Lab: le aziende avrebbero solo 72 ore per fermare ulteriori leak. Il gruppo di malviventi sarebbe in possesso di ben 53GB di dati provenienti dal server Gerrit dell’azienda e sarebbe pronto a renderli pubblici.

Il mese scorso Check Point ha riferito che il ransomware di Pay2Key non era mai stato visto prima di quest’anno. Secondo loro il nome è stato registrato presso il servizio di identità crittografica KeyBase.io a giugno e il ransomware avrebbe iniziato a colpire in ottobre. Da allora il software che prende in ostaggio i dati sarebbe stato usato contro almeno tre società israeliane, secondo Check Point, e contro almeno una società europea, secondo Swascan.

Intel Habana Lab Pay2Key
Intel Habana Lab Pay2Key

Il motivo per cui il Check Point ritiene che il gruppo Pay2Key sia composto da iraniani è che i pagamenti dei riscatti sono stati visti passare attraverso Excoino, un servizio di cambio di criptovaluta iraniano disponibile per gli individui con un numero di telefono iraniano valido e un codice ID/Melli iraniano.

I pagamenti di riscatto richiesti fino ad oggi dal gruppo sono stati tipicamente compresi tra 7 e 9 Bitcoin, ovvero tra circa 110 mila e 140 mila euro.

Asus ROG Strix GeForce RTX 2060 Advanced Edition con 6GB di memoria video GDDR6 è disponibile su Amazon.