Storage

Intel SSD 313 da 20 e 24 GB per velocizzare l’avvio del PC

Intel ha presentato i nuovi SSD 313, prodotti nati per sistemi che sfruttano la tecnologia di caching, cioè usano gli SSD come buffer per i dati a cui si accede con maggiore frequenza, in modo da ottenere prestazioni superiori a quelle offerte dagli hard disk in gran parte delle occasioni. Insomma, sono utili sia per i PC desktop che soprattutto agli ultrabook e ai portatili in generale.

L’azienda di Santa Clara ha realizzato due modelli di SSD 313, uno da 20 e uno da 24 GB. Il primo ha velocità in lettura e scrittura sequenziale rispettivamente di 200 MB/s e 100 MB/s, mentre il secondo risponde con 160 MB/s e 115 MB/s. Rispetto alla serie 311, il modello da 20 GB incrementa la velocità di scrittura di 30 MB/s, ma entrambe le unità offrono velocità in lettura casuale IOPS inferiori. Solo la proposta da 24 GB riesce a fare leggermente meglio delle soluzioni 311 con la scrittura casuale IOPS.

Il prezzo del modello da 20 GB è di 120 dollari, mentre quello da 24 GB raggiunge i 140 dollari. Non c’è differenza di prezzo invece tra le versioni da 2,5 pollici e mSATA. Queste soluzioni diventano interessanti se abbinate a una piattaforma Ivy Bridge basata sui chipset Intel della serie 7, che saranno dotati di due tecnologie chiamate Smart Connect e Intel Rapid Start, oltre all’ormai nota Smart Response.

SSD 313 a confronto con SSD 311
Serie Intel SSD 313 Intel SSD 311
Nome in codice Hawley Creek Larson Creek
NAND Intel 25nm SLC Intel 34nm SLC
Interfaccia SATA 3Gb/s SATA 3Gb/s
Controller Intel PC29AS21BA0 Intel PC29AS21BA0
Fattori di forma 2.5″, mSATA 2.5″, mSATA
Capacità 20GB 24GB 20GB
Lettura sequenziale 220MB/s 160MB/s 190MB/s
Scrittura sequenziale 100MB/s 115MB/s 100MB/s
Lettura casuale 36K IOPS 33K IOPS 37K IOPS
Scrittura casuale 3.3K IOPS 4K IOPS 3.3K IOPS
Prezzo $120 $140 $120

La prima consentirà al sistema operativo di continuare a gestire le attività in background come scaricare email, aggiornare pagine Internet o applicare correttivi anche in modalità di sospensione e ibernazione. La seconda invece dovrebbe occuparsi di rendere più rapido l’avvio del computer. Questo sarà possibile partizionando il vostro SSD e allocando una quantità di spazio pari alla memoria presente nel vostro computer – fermo restando che servono 20 GB per la tecnologia Smart Response. Insomma, il modello da 24 GB della famiglia SSD 313 potrebbe consentirvi di attivare tutte e tre le tecnologie in un solo colpo, mentre il modello da 20 GB fungerà semplicemente da cache.