CPU

La Cina stabilisce un nuovo record nella produzione locale di semiconduttori

La Cina ha prodotto oltre un miliardo di chip ogni giorno a giugno, stabilendo un nuovo record assoluto. Infatti, i produttori cinesi di semiconduttori (compresi quelli di memorie e altri componenti logici) hanno realizzato 30,8 miliardi di chip a giugno, con un aumento del 43,9% rispetto allo stesso periodo del 2020, secondo il National Bureau of Statistics – ha riportato il Southern China Morning Post. Tuttavia, tale valore non è ancora sufficiente per soddisfare la domanda interna, situazione che costringe il paese ancora a importare la stragrande maggioranza dei semiconduttori di cui necessita.

Credit: SMIC
SMIC

IC Insights ha pubblicato recentemente il suo rapporto Global Wafer Capacity 2021-2025 che ha rivelato che Taiwan, Corea del Sud e Giappone sono le prime tre nazioni al mondo in termini di capacità di produzione di semiconduttori, controllando ben oltre la metà della produzione globale. Taiwan ospita Taiwan Semiconductor Manufacturing Co., il più grande produttore mondiale di chip logici, United Microelectronics Co. e un certo numero di piccole fonderie e numerosi produttori di DRAM, controllando il 21,4% della produzione globale di semiconduttori. Secondo IC Insights, le aziende taiwanesi potrebbero elaborare fino a 4,448 milioni di wafer equivalenti a 200mm al mese.

In Corea del Sud si trovano Samsung Electronics e SK Hynix, i maggiori produttori al mondo di memorie 3D NAND e DRAM, oltre a diverse aziende più piccole. Le imprese del paese potevano lavorare fino a 4,253 milioni di wafer equivalenti a 200mm al mese a partire dalla fine del 2020 e detenevano una quota di mercato di circa il 20,4%, sulla base dei dati di IC Insights. Le aziende giapponesi non producono più chip logici all’avanguardia, ma il paese ospita il più grande impianto di produzione NAND 2D/3D del mondo gestito da Kioxia e Western Digital. Inoltre, aziende come Renesas producono ancora chip per vari settori (incluso quello automobilistico) e ci sono numerose fabbriche nel paese. Le aziende giapponesi potrebbero lavorare circa 3,281 milioni di wafer equivalenti a 200 mm al mese e controllare circa il 15,8% della produzione globale di semiconduttori.

Credit: IC Insights
IC Insights Chip Cina

La Cina è in realtà il quarto produttore mondiale di chip ed è in gran parte alla pari con il Giappone con i suoi 3,184 milioni di migliaia di wafer equivalenti a 200mm al mese e una quota del 15,3%. Va notato che la stragrande maggioranza dei chip logici prodotti in Cina viene elaborata utilizzando nodi a 28nm o precedenti, quindi non possono essere utilizzati in dispositivi che richiedono prestazioni veramente elevate. Inoltre, Samsung e SK Hynix, che possiedono impianti in Cina, non sono davvero desiderosi di trasferire le loro tecnologie all’avanguardia nel paese.

L’industria cinese dei semiconduttori ha compiuto progressi straordinari negli ultimi 20 anni, molto probabilmente è destinata a crescere ulteriormente e superare il Giappone. Tuttavia, poiché i produttori cinesi di chip sono almeno cinque anni indietro rispetto ai leader del settore come Intel, TSMC o Samsung Foundry, è improbabile che il paese sarà in grado di produrre CPU o GPU avanzate in tempi brevi.

Se cercato un buon alimentatore per la vostra configurazione, su Amazon trovate l’EVGA Supernova 850GS ad un prezzo interessante.