CPU

La CPU di Nvidia nel 2013, il cuore sarà Maxwell

Denver, il progetto di Nvidia che unirà GPU e un set di istruzioni ARM in un unico chip per computer ad alte prestazioni, potrebbe debuttare nel 2013 (Denver, ARM e GPU integrata: Nvidia si è fatta la CPU).
Mike Rayfield, general manager per le soluzioni mobile di Nvidia, ha dichiarato in un’intervista al sito Hexus.net che “Maxwell sarà la prima generazione di prodotto a usare Project Denver. Si tratta di un investimento di risorse molto più grande che lavorare su un design concesso in licenza”.

Il nome Maxwell era già apparso nella roadmap GPU di Nvidia (Kepler e Maxwell, ecco il dopo Fermi di Nvidia), previsto per il 2013 e accostato al processo produttivo a 22 nanometri. In quell’occasione l’amministratore delegato di Nvidia aveva parlato di un miglioramento delle prestazioni di 16 volte rispetto a oggi con i calcoli paralleli. Chiaramente nessuno poteva immaginare che Maxwell potesse essere qualcosa di più di una semplice GPU.

“Nell’arco di tempo che intercorre tra oggi e l’uscita di Maxwell introdurremo caratteristiche come la memoria virtuale e la pre-emption. Stiamo migliorando la capacità della GPU di lavorare in modo autonomo, quindi di essere meno dipendente dalla CPU. Oltre a questo avremo grandi miglioramenti nelle prestazioni”, aveva affermato l’AD.

In queste righe si poteva già intuire l’intenzione di Nvidia di smarcarsi dalle CPU x86, creando un unico chip capace di gestire grafica e operazioni classiche destinate al processore. La grande spinta a questo progetto, uno spartiacque per Nvidia, è successivamente arrivata dalla conferma della compatibilità di Windows 8 con le architetture ARM (Windows 8 compatibile con i SoC ARM, rivoluzione).

Al momento non ci sono altri dettagli sul progetto Denver, né su Maxwell. Possiamo dare per scontato che l’architettura Maxwell fungerà sia da cuore di Denver che da componente centrale nelle future GPU dedicate per computer con CPU x86.