Periferiche di Rete

La professoressa è un robot, in Corea è possibile

In Corea sono stati introdotti 29 insegnanti robot in 19 scuole elementari, come parte di un progetto a larga scala per “robotizzare” l’insegnamento. Gli ambiziosi sforzi prevedono la distribuzione di insegnanti robot in tutte le 8400 scuole materne coreane entro il 2013.

I bambini della scuola elementare Hakjung sono elettrizzati dall’idea d’interagire con robot come Engkey. Alto quasi un metro, si aggira per la classe usando delle ruote, fa domande in inglese e danza a ritmo di musica.

Realizzato dall’Istituto Scientifico e Tecnologico Coreano (KIST), Engkey è costato circa 1,39 milioni di dollari e più che un’intelligenza artificiale è un bot teleguidato, controllato da insegnanti nelle Filippine. Lo schermo LED mostra la faccia del professore o un volto animato in computer grafica, il sistema audio-video a due vie permette di riprendere gli alunni, di interrogarli e di sentire le loro risposte, mentre le braccia si muovono per gesticolare e sottolineare i passaggi più importanti della lezione.

Engkey, il robot professore, o professoressa in questo caso

I robot cominceranno a essere utilizzati nelle lezioni extra-scolastiche pomeridiane, visto che per ora riescono a gestire soltanto 8 bambini per volta. Il Time magazine ha ipotizzato che le macchine potrebbero prendere il lavoro di circa 20 mila, 30 mila insegnanti d’inglese stranieri in Corea, e ha nominato questo robot come una delle 50 migliori invenzioni del 2010.

“Continueremo a studiare un modo per migliorare le abilità d’insegnamento, finchè non saranno comparabili a quelle di professori umani”, ha dichiarato Kim Mun-sang, un membro del progetto del KIST a un giornale coreano.

Secondo il New York Times il budget riservato all’istruzione in Corea è stato prosciugato a causa “dell’importazione” di migliaia di professori stranieri, che hanno sempre meno voglia di vivere in aree remote o su isole. Un robot tele-guidato permetterebbe di risparmiare (nel lungo periodo) i costi delle trasferte, senza delegare a un’intelligenza artificiale l’importante compito dell’insegnamento scolastico.

E voi cosa ne pensate? Siete favorevoli o contrari ai professori-robot?