Software

L’Amiga 500 resuscita dentro a Google Chrome. Che mito!

L'Amiga 500 è un mito, e oggi possiamo riviverlo e riscoprirlo direttamente dentro al browser Google Chrome. Tutto grazie al lavoro di Christian Stefansen, sviluppatore che ha usato Portable NativeCliente (PNaCl) per riprodurre il famoso computer Commodore sul browser.

Il programmatore ha usato una versione ad hoc dell'Open Source Universal Amiga Emulator, un software che serve appunto a emulare il sistema operativo dell'Amiga. Ha aggiunto personalmente 400.000 linee di codice in linguaggio C per poi passare tutto a PNaCl.

La piattaforma sviluppata da Google rende tutto possibile perché è progettata affinché gli sviluppatori possano scrivere i programmi come meglio credono per poi "tradurli" in una lingua che il browser possa usare. È anche agnostico rispetto all'hardware, e per questo si può riprodurre il software dell'Amiga – che usava un microprocessore CISC prodotto da Motorola.