Software

Le app Android arrivano in anteprima su Windows 11

L’ultima build Beta di Windows 11 rilasciata sul canale Insider introduce quella che è forse una delle novità più attese dagli utenti, sin dal suo annuncio: la possibilità di eseguire le app Android. Se siete iscritti al programma Windows Insider e siete nell’anello Dev o Beta, dovreste poter aggiornare il sistema operativo e successivamente installare il sottosistema Android per Windows, direttamente dal Microsoft Store oppure da questo indirizzo.

L’arrivo delle applicazioni Android su Windows è stato accolto con un molto entusiasmo dai fan sin dal suo annuncio, in occasione della presentazione di Windows 11 avvenuta qualche mese fa. Il sottosistema Android per Windows virtualizza un’ambiente Android sfruttando Hyper-V e l’Android Open Source Project (AOSP), in modo da poter eseguire qualsiasi app Android. 

Microsoft non ha potuto integrare il Google Play Store, quindi si è affidata all’Amazon Appstore per la ricerca e l’installazione delle applicazioni. Se però l’installazione delle app tramite lo store dovrà avvenire unicamente attraverso quello di Amazon, nulla vieta agli utenti di eseguire le proprie (o qualsiasi) app direttamente in Windows 11 tramite sideload.

Per poter eseguire le app Android su Windows 11 è necessario rispettare una serie di requisiti, che vi riportiamo qui di seguito:

  • La virtualizzazione dev’essere abilitata nel BIOS;
  • Bisogna essere iscritti al programma Windows Insider ed essere nel canale Beta o Dev;
  • Windows 11 dev’essere aggiornato a una build 22000.xxx o successiva;
  • Potrebbe essere necessario impostare la regione del PC sugli Stati Uniti.

Secondo quanto dichiarato da Microsoft, l’esperienza d’uso delle app Android dovrebbe integrarsi appieno all’interno di Windows 11 e della sua Modern UI, esattamente come se fossero applicazioni native. Scorciatoie del sistema operativo, notifiche, appunti, layout snap e tutte le altre funzionalità di questo tipo funzioneranno anche con le app Android. Inizialmente saranno presenti solamente 50 applicazioni, ma nei prossimi mesi ne verranno aggiunte di altre, anche in previsione del rilascio globale della funzionalità.